Maggio 21, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Christian Blumenfelt, campione del mondo di Iron Man

lui venne. Nuota, rotola, corri. e ha vinto! Christian Blumenfelt ha aggiunto una serie particolarmente prestigiosa al suo roster questo sabato, a St. George, per diventare il campione del mondo Ironman… Dopo il titolo olimpico dello scorso anno, a Tokyo, il 28enne norvegese ha confermato di essere davvero l’attuale top tre sportivo. Il che è così male per tanti assenti, afflitti e malati, che nulla può inquinare la felicità di chi può essere descritto come un fenomeno. Dalla breve alla lunga distanza, Christian Blumenfelt è fuori dal comune!

Fuori dall’acqua al 10° posto, a 2’10 dal francese Laidlaw che ha completato 3,8 km in 47’29, davanti a Dane Baekkegard, seguito da vicino dai neozelandesi Smith e Corey e dal tedesco Angert, Christian Blumenfelt ha preso la sua bici con l’intenzione di entrare a far parte di questo… “club dei cinque” il prima possibile. Ma questo senza fare affidamento sulla pista molto collinosa nel deserto dello Utah. Il norvegese, catturato dall’australiano Wurf, della squadra ciclistica Ineos, ha cercato di tenere stretto anche il canadese Sanders.

Ma questo trio non è riuscito a ridurre il gap, anzi! Smith è stato il primo a far atterrare la sua macchina nella zona di transizione, davanti a Laidlaw, Currie, Angert e Beckgard, tutti assemblati insieme in una decina di secondi. Alle spalle di Whorf, Sanders e Blomenfeldt hanno completato 180 km in oltre quattro minuti, esattamente 4’26 per il campione olimpico di Tokyo… Mentre Smith iniziava l’ultima maratona in testa, Curry lo supera dal 7 km mentre Bloomie era solo in recupero. .. Tre secondi in classifica, niente Ancora sotto Sanders e Whorf, fare jogging è meno comodo che andare in bicicletta. Ma la macchina Blummenfelt scalciava e ingoiava tutto ciò che incontrava. Kyle Smith è stato il primo a soccombere alla mossa un po’ atipica del norvegese.

READ  Thomas Tuchel analizza la mauvaise passe de Romelu Lukaku: "Ce n'est pas le moment de rire de la situation"

Poi è stata la volta di Daniel Bekegaard. A metà della maratona, Christian Blumenfelt era già secondo, alle spalle di Sam Laidlaw e Florian Angert. Da lì è iniziato il conto alla rovescia. Da 2’27 a 21 km, il divario si è sciolto in un caldo di 20 gradi del centro di St. George moderatamente ventoso e cosa è successo: Blumenfelt ha ripescato Corey a Kilo 29, lasciandolo sul posto per dirigersi verso il titolo mondiale. .

Nelle retrovie non sono entrati i due belgi in corsa per la vittoria, anche se Peter Heimrick era 12°, 2’16, dopo il nuoto, che Bart Ernouts ha concluso 38° e ultimo a 11’27. Basti pensare che al momento non è stato proprio possibile salire sul podio per Bart che è uscito dalla manifestazione tra i 102 ei 115 km in sella alla sua moto. Peter si è difeso, mettendo il suo meccanismo al 12° posto, ma a 16’27 dal vantaggio. Anche lì il sogno è sfumato, tanto più che Brabanson ha perso molto tempo a piedi, passando al 20°, a 32’49, al 21° chilo.mondiale, ma ha potuto lottare solo per un posto tra i primi 20 (19 ).. .

A livello femminile, la svizzera Daniela Reeve ha vinto con un tempo di 8 ore 34.59 davanti alla britannica Kat Matthews (8h43.49) e alla tedesca Anne Hogg (8h47.03). E così Reeve ha riconquistato il suo trono globale, che aveva già ricoperto quattro volte in precedenza, da Hogg, vincitore nel 2019.