Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cereali in Ucraina: domenica la prima spedizione di cereali esportati dall’Ucraina non atterrerà in Libano

La Razzoni, una nave mercantile battente bandiera della Sierra Leone, ha lasciato lunedì il porto ucraino di Odessa sul Mar Nero con 26.000 tonnellate di mais, dopo che Ucraina e Russia hanno firmato accordi separati mediati dalla Turchia e sotto gli auspici delle Nazioni Unite.

Mercoledì, esperti turchi e russi hanno ispezionato la nave al largo di Istanbul, prima della data di arrivo prevista, secondo l’ambasciata ucraina in Libano, domenica alle 10:00 (07:00 GMT) nel porto di Tripoli, nel nord del Libano.

“Vorremmo informarvi del rinvio dell’arrivo della nave Razzoni, previsto per domani”, ha detto l’ambasciata ucraina in Libano in una lettera pervenuta all’Afp.

In risposta a una domanda sui motivi di questo ritardo, l’ambasciata ha detto all’AFP che “non ha altre informazioni” al momento.

Secondo una fonte ufficiale a conoscenza della questione, è possibile che la nave non attracchi in Libano se è in grado di vendere il suo carico a un commerciante in un altro paese.

“La nave andrà in Libano solo in un caso: se un commerciante ne acquista il carico”, ha detto la fonte all’Afp, in condizione di anonimato.

Gli accordi firmati da Ucraina e Russia a Istanbul il 22 luglio mirano a consentire l’esportazione di grano ucraino ostacolato dalla guerra e di quei prodotti agricoli russi nonostante le sanzioni occidentali, per alleviare la crisi alimentare globale e l’aumento dei prezzi in alcuni dei paesi più poveri. Paesi.

Il ministero della Difesa turco ha dichiarato che tre nuove spedizioni di mais hanno lasciato l’Ucraina venerdì in un convoglio. La stessa fonte ha aggiunto che i tre edifici serviranno Irlanda, Inghilterra e Turchia.

READ  Biden demande aux Américains de quitter l'Ukraine maintenant: "Les Chooses pourraient vite s'emballer"