fbpx
Cava de' Tirreni Cronaca EVIDENZA

83enne cavese in gita ad Alberobello con il centro anziani, lasciata sola in ospedale

anziana cavese

Una gita trasformata in un incubo per un’anziana donna cavese in gita ad Alberobello con il Centro anziani. Il figlio: “Un comportamento imperdonabile.”.

La signora, di quasi 83 anni che – a causa di una caduta – si è ritrovata ferita a una gamba e lasciata da sola in ospedale nei pressi di Bari. A raccontare la vicenda che ha coinvolto la sua anziana madre, affinché episodi del genere non si ripetano in seguito, è stato un Alfonso Carleo, già assessore nel corso dell’amministrazione Galdi, dispiaciuto e adirato per l’accaduto.
«Una situazione incresciosa – ha raccontato Carleo – e mi auguro che chi ha organizzato questa gita non si comporti allo stesso modo con altri anziani».
Il motivo di tale reazione è presto detto. Giovedì scorso la signora Raffaela De Regno, 83 anni, ha preso parte a un viaggio organizzato dal Centro Anziani cavese che frequenta, direzione Alberobello. Una volta giunti in Puglia e nella pausa tra una visita e l’altra l’anziana è accidentalmente caduta ferendosi lo stinco e riportando varie escoriazioni. La gravità della situazione è emersa subito tanto che in poco tempo sono stati allertati i soccorsi e l’anziana, in ambulanza è stata condotta al pronto soccorso dell’ospedale “Santa Maria degli Angeli” di Putignano.

Il racconto del figlio

«Tutto regolare – ha spiegato Carleo –, se non fosse che gli organizzatori hanno ben pensato di abbandonare mia madre in ospedale, caricare gli altri anziani in autobus e tornare a Cava de’ Tirreni. Un comportamento imperdonabile. Mia madre, anziana, è stata lasciata da sola a 300 chilometri di distanza da casa sua. Bastava che rimanesse qualcuno con lei il tempo necessario a noi figli per poterla raggiungere. Invece gli organizzatori se ne sono letteralmente lavati le mani».
Stando a quanto raccontato da Carleo, l’episodio è stato già oggetto di rimostranze da parte dello stesso nei confronti della direzione del Centro Anziani che ha organizzato il viaggio ricreativo in Puglia. Tuttavia l’ex assessore non ha escluso la possibilità di poter adire per vie legali. «Non è mia intenzione speculare sulla vicenda – ha precisato però Carleo –, ci mancherebbe. Per fortuna mia madre è a casa, allettata per ovvi motivi considerato che deve riprendersi e tutto sommato ora sta bene. Ho raccontato l’incresciosa vicenda però per mettere in guardia anziani e familiari, e soprattutto per evitare che l’episodio possa ripetersi».

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi