fbpx
Attualità Campania Cava de' Tirreni EVIDENZA Salerno

Cava-Trieste. Sfiorato l’incidente diplomatico sull’esito del Cities Challenge Italy

La delegazione cavese, in trasferta venerdì scorso presso la Luiss di Roma, si è aggiudicata il primo premio con tanto di volo diretto per il Bahrain dove la prossima settimana, nella capitale Manama, si terrà il Congresso Globale sull’Imprenditorialità al quale prenderanno parte oltre 170 città risultate tra le più innovative del mondo.

Ma a quanto pare da Trieste, però, la cosa non sarebbe stata digerita proprio bene tanto che l’assessore al commercio del capoluogo giuliano, Lorenzo Giorgi, aveva espresso il suo dispiacere in un post facebook ripreso poi dalla stampa triestina.

«Non ci aspettavamo questo metodo di valutazione – scrive Giorgi sulla propria pagina social – visti i criteri comunicati nel regolamento. Più che all’effettiva imprenditorialità della città si è dato peso alla presenza di start up (nella quale siamo leader in Italia secondo il Sole 24 ore), ma soprattutto al video di presentazione. Io ho portato anche i numeri delle nostre grandi realtà economiche ma Cave de’ Tirreni ha realizzato un video promozionale con un team di venti persone, con cui non potevamo competere».

Il commento, a primo acchito, non ha mancato di suscitare reazioni e qualche polemica in città.

Ma prima ancora che potesse scattare l’incidente diplomatico ci ha pensato il consigliere Eugenio Canora, presente venerdì alla Luiss in rappresentanza della città metelliana, a tranquillizzare le acque.

«Comprendo il dispiacere dell’assessore Giorgi di Trieste per aver concluso la gara fuori dal podio – ha replicato Canora –. Però la nostra città ha vinto perché è stata in grado di coinvolgere un team di imprenditori ed innovatori. Questa squadra, senza nulla a pretendere, ha coordinato la nostra candidatura in tutte le fasi con entusiasmo e dedizione, mossa non dall’ambizione di vincere ma dall’amore per la propria città. Non è vero che Trieste non abbia gli elementi per mettere su un team altrettanto efficiente, noi siamo stati bravi a fare sistema e valorizzare il nostro territorio, con una forte spinta che viene dal basso. Andremo in Bahrein non solo a rappresentare le eccellenze Cavesi e Campane ma porteremo con noi anche un po’ delle città che non sono riuscite ad aggiudicarsi, per quest’anno, la competizione. La grande sfida per il prossimo futuro sarà quella di creare una rete di città in grado di cooperare e mettere in connessione gli imprenditori e gli innovatori di tutta Italia».

Insomma, polemica disinnescata sul nascere, tant’è che anche l’assessore Giorgi – raggiunto telefonicamente – ha tenuto a fare una serie di precisazioni in merito proprio al suo post pubblicato su facebook.

«La mia era più che altro un’autocritica, niente contro Cava de’ Tirreni, rinnovo anzi i miei complimenti per la vittoria e non vedo l’ora di poterla visitare – ha precisato l’assessore Giorgi, rintracciato successivamente nel pomeriggio di ieri –. Dal canto nostro abbiamo imparato la lezione. Purtroppo abbiamo preparato la candidatura di fretta e furia è c’è stato un errore di comprensione da parte nostra anche tra uffici comunali e assessorato sui dettagli della competizione. Ad ogni modo – conclude l’assessore triestino –, se decideremo di partecipare ancora al Cities Challenge Italy il prossimo anno, lo faremo per vincere visto che i nostri numeri parlano da soli. Servirà comunque e ancora di più l’appoggio dei cittadini per il voto popolare».

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi