Ambiente Cava de' Tirreni EVIDENZA Salerno

Cava de’ Tirreni: Arpac, migliorano i livelli della qualità dell’aria

la red - qualità dell’aria

Cava de’ Tirreni. Migliorano i livelli della qualità dell’aria sul territorio cittadino.

A confermarlo i dati Arpac relativi all’annualità 2016 con un netto calo degli sforamenti che riguardano soprattutto la presenza di polveri sottili sul territorio.

Sembra dunque rientrato quell’allarme che, proprio a ridosso dello scorso anno e dei dati relativi al 2015, aveva preoccupato cittadini e autorità, a tal punto da discuterne anche in consiglio comunale. Resta, ad ogni modo, la necessità di predisporre un adeguato piano di controllo e monitoraggio puntuale dell’aria a fronte dell’unica centralina presente in città.

Stando all’ultimo aggiornamento dell’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale in Campania, i dati riferiti agli ultimi dodici mesi e che descrivono l’inquinamento atmosferico monitorato nella zona costiera collinare – nel cui perimetro rientra l’unica centralina di Cava de’ Tirreni, installata sullo stadio “Simonetta Lamberti” – e in particolare quelli relativi alla dispersione di polveri sottili, sono migliorati nettamente oltre il 50 per cento.

Si è passati, infatti, dai 26 sforamenti (superamento cioè della quantità massima di polveri sottili disperse nell’aria, fissata a 50 nanogrammi per metro cubo) registrati nell’arco del 2015 agli 11 verificatisi tra gennaio e dicembre del 2016. Numeri che, comunque, restano sotto la soglia d’allarme fissata per legge ai 35 sformanti annuali e che classificano il comune metelliano tra quelli meno inquinati della provincia.

Tuttavia, sebbene non preoccupanti, l’attendibilità dei dati resta approssimativa e dai più parti arriva la richiesta di maggiori approfondimenti per avere un quadro chiaro e dettagliato dell’inquinamento atmosferico in città. Quello che segnalano in particolare le associazioni ambientaliste è, infatti, la mancanza di una speciazione, cioè un’analisi completa delle tipologie di particelle emesse, rilevate dall’unica centralina installata nella zona dello stadio comunale “Simonetta Lamberti”, mediamente distante dal centro e non sempre funzionante.

Accanto a questo la necessità di predisporre un piano di riduzione delle emissioni considerata la conformazione della vallata cavese che tende a trattenere e concentrare nel centro gli agenti inquinanti.

Non è un caso, infatti, che tra le aree del territorio maggiormente critiche per i livelli di smog rientra sicuramente il centro cittadino dove si concentra il maggior numero di traffico veicolare con picchi registrati proprio nelle ore di punta (tra le 9 del mattino, le 13 e poi le 18 del pomeriggio).

Tra corso Mazzini, via XXV Luglio e corso Principe Amedeo (dunque la Strada Statale 18) transitano infatti migliaia di autovetture ogni giorno e i problemi alla circolazione sono stati più volte evidenziati. Mesi estivi, ovviamente, quelli maggiormente inquinati considerata la scarsità di piogge e il mancato ricambio atmosferico.

Dati Arpac alla mano e a fronte dei maggiori approfondimenti richiesti dagli ambientalisti, da Palazzo di Città hanno fatto sapere che un’azione di controllo, ad ogni modo, è in corso, in linea con quanto previsto dal PAES (Piano d’Azione a Energia Sostenibile).

Scopri l'Autore

laRedazione

laRedazione

Account ufficiale de laRedazione.

1 Commento

Cosa aspetti? Dicci la tua!
  • L’inquinamento atmosferico è un grande problema del nostro millennio. Utilizzando un trasporto sostenibile ed intelligente è davvero possibile fare la differenza! Per questo è necessario educare alla cura dell’ambiente e promuovere una mobilità differente: il car sharing e l’auto elettrica sono il primo passo verso un’aria più respirabile.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi