Cava de' Tirreni EVIDENZA Politica

Cava de’ Tirreni, il tema sicurezza discusso a suon di manifesti e conferenze stampa

tema sicurezza

Aspro il dibattito politico sul tema della sicurezza, alla luce dei recenti episodi criminosi accaduti in Città. Al manifesto della maggioranza consiliare, risponde la minoranza con una conferenza stampa.

Il tema sicurezza in Città continua ad essere terreno di scontro nella politica cittadina. A puntare il dito contro l’operato dell’amministrazione, in calce alle ultime dichiarazioni rilasciate ai nostri microfoni dall’assessore al ramo, Giovanni Del Vecchio, sulla sicurezza in città sono stati i membri di Fratelli d’Italia a firma dei consiglieri comunali e del portavoce cittadino Fabio Siani, mentre Edmondo Cirielli, Questore della Camera dei Deputati, ha annunciato di presentare interrogazioni in merito al ministro Minniti. «Gli ultimi avvenimenti di cronaca nera – tuonano da Fratelli d’Italia – verificatisi nei giorni scorsi sul territorio metelliano, dimostrano, ancora una volta, che, in tema di sicurezza, l’amministrazione comunale è ancora ferma “ all’anno zero “, nonostante i magniloquenti proclami dell’assessore preposto, reiteratamente smentito dai continui episodi di furti, rapine ed altro. E’ del tutto stucchevole il continuo richiamo alla videosorveglianza, atteso che, la stessa, non costituisce e non può costituire la soluzione del problema, se non in minima parte: la recrudescenza dei fenomeni criminosi costituisce, purtroppo, una triste ed amara realtà, con l’amministrazione comunale preoccupata unicamente di smentire quanto quotidianamente si verifica dinanzi agli occhi di tutti i cittadini cavesi». Non si è fatta attendere la risposta dell’assessore Del Vecchio. «Fratelli d’Italia – risponde Del Vecchio, per tramite dell’Udc – ha dimostrato di non conoscere quanto l’Amministrazione sta mettendo in campo in materia di sicurezza, dal potenziamento dell’attuale impianto di videosorveglianza, alla delibera di giunta di attuazione del patto di sicurezza urbana per arrivare al progetto Cava Città Sicura che partirà venerdì 18 maggio. Rispondiamo alle esigenze dei cittadini con i fatti, utilizzando tutti gli strumenti normativi a disposizione, se poi qualcuno non li vuole o non li conosce preferendo creare situazioni di ulteriore allarme sociale in tema di sicurezza sarà certamente una scelta politica poco felice e assolutamente irresponsabile». L’aspro dibattito ha visto oggi anche l’intervento diretto di Palazzo di Città con il manifesto a firma dei Partiti e dei movimenti civici della maggioranza consiliare. Nel manifesto si legge: Ringraziamo con sentimenti di profonda gratitudine la Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri, la Guardia di Finanza per lo straordinario impegno a tutela della sicurezza nella nostra città. Le offese ricevute dai Partiti di opposizione Forza Italia, Fratelli d’Italia, Responsabili per Cava sono irricevibili. È altresì evidente la strumentalità delle accuse rivolte all’Amministrazione comunale che sta facendo con la Polizia Municipale quanto è nelle proprie competenze per la sicurezza urbana. A questi faziosi oppositori– conclude il manifesto – diciamo vergognatevi!”.

Dichiarazioni forti, frutto di un clima inasprito, che chiederebbe, magari, invece, maggior confronto tra le parti nell’interesse della Città.

Intanto, arriva subito la reazione dei consiglieri comunali di minoranza che sul tema hanno indetto una conferenza stampa per domani mattina alle ore 11.00 a Palazzo di Città.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi