Campania Cava de' Tirreni Cronaca EVIDENZA

Cava: sparatoria in ospedale dopo una lite. Due feriti. Un arresto.

la red - h24

All’Ospedale di “Santa Maria Incoronata dell’Olmo”, una lite è degenerata in una sparatoria dopo il rifiuto del medico di guardia di approvare un ricovero “solerte”. Due feriti. Un arresto.

I Carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore, nel corso della notte, hanno tratto in arresto in flagranza di reato L. A., ritenuto responsabile di porto abusivo di arma comune da sparo e lesioni personali aggravate, nonché denunciato S.P. per lesioni personali aggravate in danno dell’arrestato.

Come se a Cava de’ Tirreni non fossero bastate le forti emozioni, lo scenario della cronaca oggi pomeriggio, dopo la caccia al latitante alla stazione metelliana e il ferimento di un Maresciallo dei Carabinieri, si è spostata al nosocomio cittadino.

Nel pomeriggio, al pronto soccorso dell’ospedale cavese due infermieri, padre e figlio, hanno accompagnato l’anziano nonno per un controllo. Dalle prime ricostruzioni sembra che i due abbiamo tentato di “agevolare” la visita dell’anziano parente, ma hanno subito il diniego del medico di guardia. Da qui l’accesa discussione nella quale interviene anche il padre del medico, presumibilmente avvisato dal figlio.

Con sè l’uomo ha una pistola e la usa contro il figlio dell’ottantenne condotto al pronto soccorso, ferendolo ad una gamba.

 In difesa dell’uomo ferito interviene il figlio, nipote dell’anziano, che si scaglia contro il responsabile del gesto. Nel corso della colluttazione viene esploso un secondo colpo che, stavolta, colpisce a un fianco proprio il papà del medico.

I due feriti sono stati soccorsi e operati per estrarre i due proiettili. In corso le indagini per chiarire la dinamica dei fatti di quella che ai presenti è sembrata di certo una scena surreale.

Il comunicato dell’AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona

In riferimento all’episodio occorso nel pomeriggio di oggi presso il Presidio Ospedaliero Santa Maria dell’Olmo di Cava de’ Tirreni, l’AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno attende l’esito delle indagini in corso da parte dell’Autorità Giudiziaria, precisando che la Direzione Commissariale ha prontamente attivato il servizio ispettivo aziendale.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi