Cava de' Tirreni EVIDENZA Politica Salerno viabilità

Cava de’ Tirreni: sbarra in via G. Cinque, disappunto dei residenti

la red - via G. Cinque

Disappunto tra i residenti di via G. Cinque per l’installazione di una transenna orizzontale per limitare il transito ai veicoli la cui altezza non supera i 2,20 metri.

Una misura che l’Amministrazione ha ritenuto necessaria per tenere sotto controllo la critica situazione in cui versa la strada, interessata due anni fa da un fenomeno franoso mai risolto.

Ma il provvedimento non piace ai residenti, i quali lamentano che la sbarra non tiene fuori solo i mezzi pesanti, ma anche quelli adibiti al trasporto metano per le abitazioni che non possono usufruire del gas cittadino e, non meno importanti, i mezzi di soccorso come ambulanze o autobotti dei vigili del fuoco. Ad evidenziare il problema, facendosi portavoce di chi risiede in via Gaetano Cinque, è stato il consigliere di minoranza Vincenzo Passa che, già in passato in consiglio comunale, aveva portato all’attenzione della giunta guidata dal sindaco Servalli le criticità del tratto.

«Era più giusto dare priorità alla strada in via definitiva – tuona Passa –  la sbarra è la goccia che ora ha fatto traboccare il vaso. In quel tratto ogni giorno si sfiora la rissa, le auto sono aumentate a dismisura e percorrere la strettoia è difficoltoso. Ovviamente i soldi per risolvere non si sa da dove farli uscire e tantomeno sono stati previsti interventi sanatori a breve. Si tampona insomma e nel frattempo si pensa ad altro mentre in via Cinque non può passare nemmeno un’ambulanza. Se si pensa che quella a disposizione di “Mani Amiche” è alta 2,70 metri».

Intanto non si sono fatti attendere i chiarimenti da Palazzo di Città. L’assessore alla manutenzione, Nunzio Senatore, ha fatto sapere che l’intervento di installazione della transenna orizzontale si è reso necessario a tutela della pubblica incolumità per la continua infrazione al divieto di transito del mezzi pesanti. «La messa in sicurezza di via Cinque – ha precisato Senatore – è un’ulteriore pesante eredità della precedente amministrazione, così come le scuole, le palestre a tanto altro ancora. Adesso tocca a questa amministrazione correre ai ripari e trovare le risorse che sono ingenti per riparare questo danno. Lo stiamo facendo, ma c’è bisogno del tempo necessario».

Una stima preventiva dei costi per il rifacimento completo di via Cinque è stata già approntata: si tratta di provvedere alla messa in sicurezza di 100 metri di strada con una cifra di almeno 700 mila euro che bisognerà reperire attraverso fondi regionali o comunitari o, ancora, con l’accensione di un mutuo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi