Campania Cava de' Tirreni EVIDENZA Politica Salerno

Cava de’ Tirreni: opere pubbliche, previsioni da 38 mln per il 2018

previsioni

Nuova scommessa dell’amministrazione del sindaco Servalli sul piano delle opere pubbliche: nell’ultima riunione la giunta ha varato, infatti, il programma triennale 2018-2020 dei cantieri da avviare e ultimare e, particolarmente dettagliato, è l’elenco degli interventi previsti per il 2018.

Il prossimo anno infatti sarà dedicato alla sistemazione della viabilità, all’edilizia residenziale, al recupero di alcuni contenitori vuoti del territorio e all’ultimazione di opere già avviate ma mai completate. La spesa totale prevista per il 2018 è di circa 38 milioni di euro, somma questa da recuperare tra accensione di mutui, fondi comunali, regionali e ministeriali e il coinvolgimento di alcuni privati.

Dopo il passaggio in giunta, il documento dovrà ora essere portato all’attenzione del consiglio comunale per l’approvazione finale e sarà poi possibile dare il via all’ampia programmazione prevista per il 2018 e che, in alcuni punti, vede l’amministrazione già avvantaggiata.

Si tratta di quegli interventi di cui si parla da sempre e che puntualmente, negli anni, sono stati rinviati per mancanza di disponibilità economica. Ma questa volta sembra che effettivamente i fondi per procedere ci siano. Basti pensare che è previsto per il 2018 il completamento dei lavori di riqualificazione della scuola elementare di piazza Baldi a Santa Lucia per un totale di 1 milione e 400 mila euro. Il plesso, chiuso da oltre due anni, dopo una lunga battaglia dei genitori sarà finalmente ristrutturato e l’amministrazione – dopo diversi rallentamenti dovuti al confronto con la Soprintendenza – ha approvato il progetto definitivo ed è pronta ad aprire i cantieri.

Altre grande intervento che attende attuazione da anni è quello che riguarda una delle grandi incompiute del territorio: il Palazzetto dello Sport nella frazione di Pregiato che, grazie a una somma totale di circa 7 milioni di euro, sarà ultimato (area esterna compresa) e riconvertito in Palaeventi per ospitare non solo manifestazioni sportive ma anche spettacoli e attività commerciali.

C’è poi il risanamento ambientale della discarica in località Cannetiello: una bomba ecologica che ha devastato le colline a sud della città e che potrà essere “disinnescata” grazie a un intervento preliminare di 2 milioni e 500 mila euro. L’area di circa 12 mila metri quadri, che sorge a 2 chilometri e mezzo dal centro abitato, è stata impiegata dagli anni ’80 fino al 1992 (con chiusura definitiva nel 1994) quale discarica per i rifiuti solidi urbani. L’allarme inquinamento era scattato nel marzo del 2014 a causa della fuoriuscita di percolato dalle vasche di raccolta e, dopo lo stanziamento dei fondi regionali, nel 2018 potrà avere inizio l’intervento di riqualificazione.

A questi interventi maggiori si affiancano poi altri di fondamentale importanza e spesso richiesti dalla collettività come la manutenzione delle strade e l’eliminazione delle barriere architettoniche (circa 1 milione di euro), interventi sulla rete fognaria (circa 500 mila euro) e la dismissione dei prefabbricati e dell’amianto (quasi 400 mila euro).

Scopri l'Autore

Giuseppe Ferrara

Giuseppe Ferrara

Aggiungi un commento

Cosa aspetti? Dicci la tua!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi