Campania Cava de' Tirreni EVIDENZA Politica video

Cava de’ Tirreni. “Prefabbricati zero”, ecco cosa si realizzerà nelle ex aree containers

Senatore: “L’obiettivo si fa sempre più concreto”

Cava de’ Tirreni. Dopo la fase di bonifica dell’amianto, anche nel più grande campo containers della città in via Luigi Ferrara, a Pregiato è iniziata la fase di demolizione dei containers.

“Una cicatrice che ha deturpato la Città per oltre quarant’anni” – ha commentato più volte il sindaco Vincenzo Servalli nel corso del primo mandato e per il quale era stata definito in maniera serrato l’obiettivo: “Prefabbricati zero”.

Progetti di riqualificazione urbana

 “L’obiettivo si fa sempre più concreto – ha spiegato ai nostri microfoni l’Assessore ai Lavori Pubblici, Nunzio Senatore – Stiamo risanando tutte le aree degradate e, per ognuna di esse, sono già pronti progetti di riqualificazione urbana”.

Tra questi, l’area della frazione di Pregiato verrà adeguata per la realizzazione di parcheggi e zone attrezzate a verde pubblico che serviranno una volta che sarà sbloccata anche la riqualificazione del PalaEventi.

Sul fronte Maddalena, invece, si immagina di realizzare un programma di edilizia popolare pubblico-privata con la partecipazione del Comune e di alcuni privati per l’attuazione di un progetto di housing sociale, dirottando l’iniziale destinazione prevista presso gli stabilimenti storici, oggi non più operativi, della Manifattura Tabacchi di viale Crispi.

Leggi anche: Prefabbricati post-terremoto, rush finale per lo smantellamento. Niente proroga per gli abusivi

Leggi anche: Cava: fiamme presso l’area prefabbricati della Maddalena. Rischio amianto.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi