Cava de' Tirreni EVIDENZA Politica Salerno

Cava de’ Tirreni: in consiglio comunale, abusivismo, Metellia e scuola Santa Lucia

gestione rifiuti

Cava de’ Tirreni. Abbattere o non abbattere? Questo è il problema. La questione abusivismo edilizio torna al centro del dibattito politico cittadino e sarà uno degli argomenti cardine del prossimo consiglio comunale, in programma per questo giovedì alle 16. All’attenzione dell’assise anche la tassa sul turismo in città, l’adeguamento dello statuto della Metellia Servizi e le modifiche allo statuto comunale.

Sì e no al mantenimento degli immobili

Dopo diversi consigli comunali e le dichiarazioni di interesse pubblico per salvare dall’abbattimento almeno tre immobili abusivi presenti sul territorio cittadino, altri tre edifici saranno sotto la lente dei consiglieri. In particolare si tratta di due abitazioni in via Casa Costa e un’altra in via Contrapone di località Pioppi.
La novità rispetto ai provvedimenti precedenti riguarda il fatto che il consiglio prevede, stando all’ordine del giorno diramato nelle ultime ore, di dichiarare in non interesse al mantenimento del primo immobile di via Casa Costa che quindi potrebbe andare incontro all’abbattimento. Discorso diverso, invece, per le altre due abitazioni per le quali si voterà il prevalente interesse pubblico in modo tale da poter destinare i locali ad housing sociale.

Raccolta unificata, mano allo statuto della Metellia

L’agognato passaggio di cantiere nella raccolta differenziata dal Consorzio di Bacino alla Metellia Servizi sarà ufficialmente operativo da domani e giovedì il consiglio comunale sarà chiamato ad approvare le dovute modifiche e gli adeguamenti allo statuto della municipalizzata che – nelle ultime settimane – ha provveduto a disporre i locali dell’Isola Pulita di via Ugo Foscolo per accogliere nuovi mezzi e i 28 ex-dipendenti del Consorzio di Bacino, 19 dei quali hanno già sottoscritto il contratto.

La scuola bloccata dalla burocrazia

Altro argomento caldo riguarderà, sicuramente, gli ultimi aggiornamenti in merito ai lavori di manutenzione e messa in sicurezza della scuola elementare di piazza Baldi, nella frazione di Santa Lucia. Il plesso – ormai chiuso da un anno – sarebbe dovuto ritornare fruibile, almeno secondo le previsioni dell’amministrazione, già entro settembre 2017, peccato che le continue integrazioni richieste dalla Soprintendenza abbiano causato ritardi che difficilmente permetteranno di rientrare nei tempi. In particolare, la documentazione aggiuntiva richiesta dall’Ente Provinciale per la tutela del patrimonio ambientale e architettonico, ha richiesto un aumento di circa 300 mila euro rispetto i fondi inizialmente stanziati. Il che significa che l’appalto – superando ampiamente il milione di euro – non potrà essere affidato in maniera diretta (come previsto dalla shortlist di imprese locali) risparmiando tempo e, inoltre, bisognerà reperire le risorse aggiuntive.

I punti all’Ordine del Giorno

Di seguito la convocazione diramata questa mattina da Palazzo di Città:

  1. Comunicazioni del Presidente del Consiglio comunale;
  2. Comunicazioni del Sindaco;
  3. Interrogazioni – Raccomandazioni;
  4. Approvazione verbale della seduta consiliare del 6/02/2017;
  5. Dichiarazione di non prevalente interesse pubblico al mantenimento degli immobili abusivi ubicati alla via Casa Costa, n.11- riportati in Catasto al fg.30 part. 2319 – sub 2 e 4 -(art. 31 – comma 5 – D.P.R. 380/2001) – Provvedimenti;
  6. Dichiarazione di prevalenti interessi pubblici al mantenimento dell’immobile abusivo ubicato alla via casa costa , n. 11,- riportato in catasto al fg.30 part. 2319 – sub 3 -(art. 31 – comma 5 – D.P.R. 380/2001) – Provvedimenti;
  7. Dichiarazione di prevalenti interessi pubblici al mantenimento dell’immobile abusivo ubicato alla via Contrapone – loc. Pioppi – riportato in Catasto al fg. 15 part. 1428 (art.31- comma 5 – D.P.R’ 380 / 2001) – Provvedimenti;
  8. Riprogrammazione fondi ex Lg. 219/81 e Lg.32/92;
  9. Adeguamento Statuto Metellia – Approvazione;
  10. Approvazione nuovo regolamento Imposta di Soggiorno;
  11. Centrale Unica di Committenza tra i Comuni di Cava de’ Tirreni e Castellabate per la gestione in forma associata delle procedure di acquisizione di lavori, servizi e forniture.Modifica convenzione e adesione Comune di Roccapiemonte;
  12. Modifica comma 1 dell’art. 2 dello Statuto comunale (argomento richiesto dal Consiglieri Comunali ai sensi dell’art. 39, comma 2, del D.Lgs. n.267/2000).
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi