Cava de' Tirreni EVIDENZA Politica

Cava de’ Tirreni: giovedì consiglio comunale. Svolta per il parcheggio dei Tolomei?

regolamento

Cava de’ Tirreni. Si torna in consiglio comunale. Convocata l’assise cittadina per giovedì 31 ottobre alle ore 17. 30. Tra gli argomenti il parcheggio di località Tolomei

Tra gli argomenti all’ordine del giorno, l’accertamento del mancato contrasto con interessi paesaggistici, urbanistici e idrogeologici delle opere realizzate in località Tolomei e acquisite al patrimonio comunale; nonché la dichiarazione di interesse pubblico al mantenimento delle opere al posto della loro demolizione e la destinazione a incremento delle aree di sosta gestite dalla Metellia Servizi.

L’area da acquisire a patrimonio comunale è quella del parcheggio in località Tolomei, gestito fino all’anno scorso dai frati del Convento di San Francesco e Sant’Antonio e sequestrata a marzo del 2018 perché privo di autorizzazioni.

Un’area, che considerata la prossimità dell’ospedale di Santa Maria dell’Olmo era molto utilizzata dagli utenti e dagli operatori del nosocomio cittadino.

Si sono, infatti, conclusi con esito positivo i lavori della Conferenza di Servizi per l’accertamento del mancato contrasto delle opere abusivamente realizzate, con i preminenti interessi paesaggistici, urbanistici ed idrogeologici, al fine della loro conservazione. Accertata l’inottemperanza all’ordine di demolizione, il parcheggio e l’intera area di sedime sono stati acquisiti di diritto al patrimonio comunale. L’amministrazione Servalli, tenendo conto dell’assenza di parcheggi pubblici ad uso esclusivo dell’ospedale, ha deciso di portare avanti la tesi della dichiarazione di prevalente interesse pubblico al mantenimento dell’opera abusiva.

Movimento Cinque Stelle di Cava: “Non si può continuare a pensare di far cassa con le strisce blu”

Nei giorni scorsi, in merito alla vicenda si è dichiarato il Movimento Cinque Stelle di Cava. Il gruppo ha specificato che chi ha gestito l’area fino a che è stata destinata a parcheggio, purtroppo abusivamente -ovvero padre Luigi Petrone– ha offerto la possibilità di fruire di una tariffa molto più bassa rispetto a quella che, solitamente, si attua nelle aree gestite dalla Metellia Servizi, in particolare di quella al centro della Piazza San Francesco.

Il Movimento ha chiesto che il parcheggio continui ad essere al servizio dell’utenza ospedaliera, a prezzi accessibili ed invitano il Sindaco e l’intero Consiglio Comunale a verificare la possibilità di far ritornare l’area nella disponibilità dei Frati.

È di pochi giorni la notizia che l’amministrazione cavese ha informato dell’acquisizione a patrimonio comunale dell’area già adibita a parcheggio dichiarata abusiva con ordinanza del 26/06/2018 nell’area adiacente al Convento di San Francesco.

Chi ha gestito l’area fino a che è stata destinata a parcheggio, purtroppo abusivamente, ha offerto la possibilità di fruire di una tariffa molto più bassa rispetto a quella che, solitamente, si attua nelle aree gestite dalla Metellia Servizi, in particolare di quella al centro della Piazza San Francesco.

Chiediamo quindi che il parcheggio continui ad essere al servizio dell’utenza ospedaliera, a prezzi accessibili ed invitano il Sindaco e l’intero Consiglio Comunale a verificare la possibilità di far ritornare l’area nella disponibilità dei Frati, che probabilmente, visto lo spirito che anima il nuovo corso del convento, in piena sintonia con l’esempio del fraticello di Assisi, hanno un gran bisogno di entrate economiche per continuare ad offrire i servizi che non hanno fatto mai mancare alla comunità cavese.

Se ciò non fosse possibile, nel rispetto della legge che sempre auspichiamo, si chiede in subordine di individuare una maniera di gestire l’area di parcheggio che consenta di praticare una tariffa giornaliera conveniente per le esigenze dell’utenza ospedaliera.

laRed TV





Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi