Cava de' Tirreni Cronaca EVIDENZA Intervista Politica Salerno

Cava de’ Tirreni. Furti al Cimitero: Baldi annuncia incontro con il Sindaco

cimitero

Civico cimitero nella morsa dei saccheggiatori: nell’ultimo weekend sono state almeno cinque le tombe rinvenute prive di vasi e oggetti di abbellimento in rame o alle quali erano stati sottratti fiori freschi e luci votive.

Una situazione sulla quale i familiari dei defunti non sono destinate a soprassedere, pretendendo dall’amministrazione maggiori controlli per mettere fine a uno scempio che va avanti impunito ormai da anni. E proprio da Palazzo di Città arrivano le rassicurazioni in merito a un progetto di riqualificazione e informatizzazione che potrebbe essere attuato a breve. Il consigliere delegato al ramo, Gerardo Baldi, ha infatti fatto sapere di aver in programma una proposta di messa in sicurezza che entro fine mese sarà presentata all’attenzione del sindaco Servalli.

Niente più vasi, portafiori danneggiati, catene decorative scomparse, addirittura mancano fioriere in marmo.

È questo lo scenario abitualmente descritto dai frequentatori del camposanto metelliano; spettacolo al quale si è assistito anche nelle mattinata di domenica e lunedì e che – negli ultimi anni – è diventato sempre più all’ordine del giorno. Dal 2014 ad oggi, infatti, sono almeno trenta gli atti di vandalismo e i casi di furto segnalati alle forze dell’ordine. L’ultimo verificatosi appena lo scorso febbraio con la scomparsa, addirittura, di cornici in rame dalle immagini votive e dalle fotografie dei defunti. Dietro questi furti, i cittadini ne sono certi, ci sarebbe un responsabile univoco che ne trae guadagno rivendendo i materiali in metallo rubati.

All’incessante richiesta di maggiori controlli ha risposto, nella giornata di ieri, il consigliere delegato al cimitero, Gerardo Baldi, annunciando un imminente incontro con il sindaco Servalli per disporre un adeguato piano che metta fine all’incresciosa situazione.

«È una situazione che va avanti da troppo tempo – ha spiegato il consigliere – e da molto sto lavorando a un programma che possa permettere all’amministrazione di mettere un freno a questi episodi. Presenterò al sindaco un progetto di informatizzazione dei servizi cimiteriali e installazione di un sistema di videosorveglianza che permetta di controllare le zone d’ombra del cimitero».
Stando, infatti, a quanto riferito da Baldi, l’area cimiteriale è troppo estesa per poter garantire una sorveglianza costante da parte dei custodi, soprattutto perché spesso si riesce ad accedere al cimitero soprattutto dalle zone retrostanti (ben lontane dall’ingresso) dove le mura sono più basse.
«Basterebbe un sistema a tre telecamere per sorvegliare i punti facilmente accessibili dall’esterno – chiarisce Baldi –. A questo, poi, si potrebbe aggiungere una mappatura informatizzata delle tombe facilmente consultabile da chi accede al cimitero e che, contestualmente, servirebbe a fornire un registro dello stato di ciascuna sepoltura».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi