fbpx
Cava de' Tirreni EVIDENZA Politica

Cava de’ Tirreni, al Comune previste 71 nuove assunzioni

assunzioni

Ricambio generazionale negli uffici di Palazzo di Città: la precedenza sarà data alle categorie protette. Intanto si attende il Concorsone.

Mentre si attendono novità sul concorsone che aveva fatto mobilitare 20 mila persone lo scorso anno, arriva proprio dal Comune la notizia di ulteriori assunzioni che si prevede di portare a compimento nel corso del prossimo biennio per sopperire ai tanti pensionamenti che in questi mesi si stanno avendo.

Nell’ambito delle misure di inserimento delle persone con disabilità, infatti, è stata prevista dalla giunta comunale – con apposita delibera – una integrazione del programma di fabbisogno del personale per l’annualità 2018-2020.

Il tutto a seguito di una nota dirigenziale con la quale il responsabile del I Settore, Francesco Sorrentino , comunicava al sindaco Vincenzo Servalli la necessità di nuove risorse umane da integrare nei vari settori dell’Ente, sottolineando inoltre l’avvenuta cessazione del servizio da parte di un gran numero di dipendenti e la possibilità di ulteriori pensionamenti previsti per i prossimi mesi. Da qui alla necessità di provvedere al più presto all’integrazione del personale attualmente in servizio, tenuto anche conto dei tempi non brevi per l’espletamento delle procedure concorsuali indette dal Comune.

Da potenziare in particolare le competenze di tutti i servizi nell’ambito della contabilità e della gestione con figure professionali con profilo economico- finanziario e contabile. La procedura, come previsto dalle normative vigenti, darà priorità alle categorie protette (in particolare persone con disabilità o che vivono in grave disagio economico) prevedendo il reclutamento di 55 istruttori amministrativi part-time e 16 istruttori economico-finanziari part-time.

Intanto per quanto riguarda il mega concorsone partito l’anno scorso per ulteriori assunzioni al Comune, non si hanno per ora ancora sviluppi.

Consegnate e smistate la mole di buste pervenute, si attende ancora che vengano nominate le singole commissioni per ciascuna categoria di impiego richiesto. Al momento – stando a quanto più volte ribadito dall’assessore alla sicurezza, Giovanni Del Vecchio – è dato sapere che la precedenza, vista la carenza di personale e il corpo dei vigili urbani visibilmente in affanno, sarà data proprio alla sezione di concorso che riguarda gli ispettori di vigilanza. In quest’ambito, poi, dovrebbero andare a confluire parte dei vincitori di concorso per categorie protette che, secondo quanto previsto dall’assessore, confluiranno negli uffici del comando di Polizia locale, lasciando così la possibilità ad altri agenti di poter lasciare libere le scrivanie e operare sul territorio.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi