Campania Cava de' Tirreni Politica

Cava de’ Tirreni: carenza di personale, uffici comunali in affanno

Uffici comunali in affanno per i numerosi pensionamenti

Cava de’ Tirreni. Si fa sempre più urgente la necessità di un ricambio generazionale a Palazzo di Città.

Stando al piano del fabbisogno del personale stilato per l’anno in corso, entro il 2022 dovrebbero arrivare al Comune oltre un centinaio di nuove figure professionali, ma il concorsone da 20 mila candidati resta per ora bloccato alla luce delle indagini della magistratura in merito ai presunti favoritismi che ci sarebbero stati a favore del sindaco di Eboli, Massimo Cariello, e che hanno coinvolto anche il dirigente Francesco Sorrentino.

Intanto nei locali del Comune comincia ad avvertirsi il peso della mancanza di personale e tra le necessità più impellenti ci sono le nuove assunzioni da fare presso il Comando di Polizia Locale di via Ido Longo.
Insomma l’esigenza di nuove risorse umane da integrare nei vari settori dell’Ente si è fatta più impellente soprattutto a margine dell’avvenuta cessazione del servizio da parte di un gran numero di dipendenti negli ultimi anni e la possibilità di ulteriori pensionamenti previsti per i prossimi mesi.

Nel 2011, infatti, 19 dipendenti sono andati a riposo, e il personale degli uffici comunali allora ammontava a 360 unità; nel 2015 si è scesi a 332 dipendenti, dei quali almeno la metà, avevano un’anzianità di servizio tra i 31 e i 35 anni, quindi per questi si prevede a breve il pensionamento.

Tra il 2018 ed oggi, poi, il numero di coloro che sono andati a riposo è di almeno un’ottantina, e quindi ora il personale comunale si è ridotto a circa 250 unità.

Da qui alla necessità di provvedere al più presto all’integrazione del personale attualmente in servizio, tenuto anche conto che si sono ormai allungati a dismisura i tempi per l’espletamento delle procedure concorsuali indette dal Comune e attualmente bloccate per le indagini in corso.

113 unità entro il 2022

Intanto a Palazzo di Città si è già provveduto a stilare il piano annuale del fabbisogno di personale che, stando a quanto disposto, dovrebbe portare all’integrazione di almeno 113 unità entro il 2022.

Stando al documento è urgente l’assunzione di un geologo, venti collaboratori amministrativi e dieci operai manutentori. E ancora undici assistenti sociali e sei sociologi. Da potenziare in particolare le competenze di tutti i servizi nell’ambito della contabilità e della gestione con figure professionali con profilo economico-finanziario e contabile.

La procedura, come previsto dalle normative vigenti, darà priorità alle categorie protette (in particolare persone con disabilità o che vivono in grave disagio economico) prevedendo il reclutamento di 55 istruttori amministrativi part-time e 16 istruttori economico-finanziari part-time.

Leggi anche: Concorsone a Cava de’ Tirreni, Sorrentino fuori dalle commissioni

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi