Ambiente Cava de' Tirreni EVIDENZA

Cava de’ Tirreni: blocco conferimento rifiuti, il Comune corre ai ripari

conferimento

Cava de’ Tirreni. Il Comune corre ai ripari per rimediare al blocco del conferimento dei rifiuti ricorrendo ad un affidamento straordinario a un impianto di smaltimento terzo

Il provvedimento si rende necessario a causa della chiusura degli stabilimenti della società Ambiente Spa di San Vitaliano a Napoli danneggiati da un incendio. Per tamponare il Comune ha quindi, sottoscritto due accordi temporanei con una ditta di Pagani per lo smaltimento dei rifiuti in legno e degli ingombranti, in attesa che riprendano le attività presso gli stabilimenti partenopei. In tal modo, quindi, potrebbe essere ritirato in tempi brevi il divieto di conferimento che riguardava le utenze domestiche e non domestiche, di rifiuti multimateriale, imballaggi in plastica e metallo, della frazione merceologica biodegradabile e lumini, provenienti dal civico cimitero, come era stato anticipato dall’assessore delegato all’ambiente e all’igiene urbana, Nunzio Senatore. «Abbiamo ravvisato la necessità e l’urgenza di dover ridurre al minimo i disservizi e i disagi causati da tale contingenza ai fini dell’igiene pubblica – ha spiegato Senatore –, per questo motivo abbiamo deciso di affidarci momentaneamente a altro impianto nell’attesa che quello di San Vitaliano riprenda ad essere pienamente operativo».

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi