Cronaca EVIDENZA video

“Con le famiglie lontane, siamo noi a dare l’ultimo saluto ai loro cari”

Cava de’ Tirreni. “E’ una grande responsabilità”, ci racconta Daniele Memoli, addetto al servizio tempio cremazione del cimitero metelliano gestito dalla Metellia Servizi.

L’emergenza coronavirus ha stravolto le nostre vite e definito perfino i riti che ci accompagnano quando perdiamo una persona cara. Uno dei capitoli più dolorosi di questa pandemia è quello sui funerali, proibiti per decreto. Le regole sono molto stringenti e, anche se indispensabili, aggiungono dolore al dolore della perdita di un congiunto o di un amico. 

Funerali senza messa, senza corteo, per evitare assembramenti. Un addio a distanza difficile da affrontare, come l’emergenza. Ed in momenti come questi, è importante potersi fidare di professionisti seri, che abbiamo contezza dell’enorme responsabilità che ricade su di loro in certi momenti.

Così abbiamo chiesto agli addetti del tempio crematorio di Cava de’ Tirreni, gestito dalla Metellia Servizi, di raccontarci come hanno vissuto questa responsabilità.

“E’ un’emozione forte, – ci racconta Daniele Memoli, addetto al servizio tempio cremazione del cimitero metelliano – . Questa emergenza non ha cambiato solo le nostre vite, ma anche il modo di lavorare, nel rispetto delle nuove procedure varate dalla Metellia e in ottemperanza delle disposizioni nazionali e regionali di contenimento del contagio da Covid-19”.

“Con la chiusura della sala commiato,inoltre, sentiamo forte la responsabilità. Con le famiglie lontane, siamo noi a dare l’ultimo saluto ai loro cari”.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi