Cava de' Tirreni EVIDENZA

Cava de’ Tirreni. La Città premiata da Trenitalia, ma la stazione…

Città premiata

Cava de’ Tirreni. Da qualche giorno la città metelliana compare nell’elenco delle “Idee Viaggio” per la regione Campania consigliate dal sito web di Trenitalia.

Ma i servizi ferroviari possono dirsi all’altezza?

Un bel riconoscimento per Cava de’ Tirreni che da sempre fa del turismo uno dei suoi maggiori punti forti e che negli ultimi tempi sta effettivamente riscontrando sempre maggiori consensi con l’aumento degli arrivi, in particolare nei weekend e a ridosso dell’estate. «Cultura, storia, architettura, arte e le verdeggianti colline a ridosso del mare – si legge sul sito – a circa 15 minuti di treno da Salerno si trova Cava de’ Tirreni, rinomato luogo di villeggiatura già dai tempi degli antichi romani, il cui passaggio è testimoniato dai resti di templi e ville sul territorio. Base ideale per una visita sulla costiera Amalfitana, la città metelliana presenta monumenti e scorci caratteristici, dalla Badia della Santissima Trinità al Santuario di San Francesco, fino a Borgo Scacciaventi chiamato così per la presenza dei portici che riparano dalle intemperie». Eppure qualcosa stona e a confermarlo sono sia fonti ufficiali (come Pendolaria di Legambiente), sia fonti più dirette come i cittadini che quotidianamente frequentano la stazione ferroviaria. Il report di Legambiente parla di difficoltà evidenti proprio sulla tratta “Salerno-Cava de’ Tirreni- Napoli” e i maggiori problemi che i pendolari lamentano riguardano l’età e l’affollamento dei treni ma anche disagi derivanti dalla mancanza di coincidenze. Da qui la richiesta di un maggior cadenzamento a fronte dei circa 80 treni (tra partenze e arrivi) che transitano per Cava de’ Tirreni. Ma gli utenti sono preoccupati soprattutto per le condizioni di scarsa sicurezza in cui versano i locali della stazione, spesso prenda di atti vandalici e giaciglio per senza tetto e ubriachi. Sono note, infatti, i danneggiamenti alla biglietteria o ai vetri di copertura del sottopasso. Atti vandalici ai quali Ferrovie dello Stato ha cercato di porre rimedio predisponendo prima la biglietteria automatica e – più di recente – i tornelli per limitare l’ingresso non solo a quanti furbetti si intrufolano sui treni senza il titolo di viaggio, ma anche ai senza tetto che trovano ricovero a ridosso dei binari.
Nel frattempo si attendono anche i provvedimenti più volte annunciati da Palazzo di Città per aumentare la sicurezza e la predisposizione di ulteriori servizi in zona: sul tavolo la realizzazione di una nuova illuminazione e l’allestimento del Metropark nel parcheggio adiacente alla stazione.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi