fbpx
Cava de' Tirreni EVIDENZA

Cava, ex Cinema Capitol, il TAR accoglie ricorso della proprietà: “Può essere abbattuto e riconvertito in una struttura residenziale”

proprietà

Ex Cinema Capitol, il TAR accoglie ricorso della proprietà: “Può essere abbattuto e riconvertito in una struttura residenziale con appartamenti, uffici e negozi”.

Cava de’ Tirreni. Il TAR ha, infatti, accolto il ricorso proposto dalla Vismas Srl (proprietaria del fabbricato) nei confronti del Comune di Cava de’ Tirreni per la bocciatura sul preminente interesse pubblico del progetto di riqualificazione dell’ormai fatiscente struttura di via Sorrentino – commissionato dalla società e redatto già nel 2007 – a cui hanno fatto seguito una serie di provvedimenti per sollecitarne la messa in sicurezza.
Il progetto contemplato concerneva la demolizione e ricostruzione di un fabbricato dismesso ai fini della realizzazione di otto piani destinati a civili abitazioni, di uno spazio coperto di circa mq 500, di locali a carattere commerciale, alcuni dei quali con terrazza-giardino a copertura, piscina e verde, con incremento volumetrico rispetto all’edificazione esistente;
La proposta progettuale, presentata anche all’attenzione del Consiglio Comunale metelliano, era stata bollata come «utopica, troppo moderna e non confacente al disegno urbanistico del borgo cittadino», dunque inattuabile. Contestualmente, però, era stato poi lo stesso Comune a prendere una serie di provvedimenti amministrativi e legali all’indirizzo della società proprietaria dell’immobile per la messa in sicurezza dello stesso dopo i numerosi episodi di cedimento che hanno messo a rischio la pubblica incolumità di passanti e residenti.
Lo scorso febbraio, a seguito dei reiterati allarmi sullo stato di grave fatiscenza dell’ex Cinema Capitol, i tecnici del Comune avevano accertato la presenza di copiose infiltrazioni di acqua nel solaio di copertura del porticato, disponendo da allora l’interdizione al passaggio pedonale e intimando la proprietà a provvedere alla messa in sicurezza.

Insomma una battaglia legale che sembrava, fino ad ora, non portare a nessuna conclusione e che bloccava l’ex Capitol nel limbo dello stato di abbandono e fatiscenza, tanto che si era immaginato anche l’esproprio. Con la sentenza del TAR, invece, pare che un nuovo scenario si sia aperto e che addirittura ci sia la possibilità di rispolverare quel progetto del 2007 commissionato dalla Vismas che prevedeva la demolizione dell’intero edificio e la sua ricostruzione all’interno della sagoma fuori terra preesistente.
Il progetto prevedeva, nel dettaglio, la realizzazione di tre piani interrati per 76 box auto; un piano terra, con ampio porticato, per sei unità commerciali e gli altri piani invece da dedicare ad uffici ed abitazioni.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi