fbpx
Campania Cava de' Tirreni Cronaca EVIDENZA Salerno video

Cava. Centri Anziani, Galdi: “Un’assicurazione per chi va in gita”

Anziana in gita si fa male e viene lasciata in ospedale in Puglia, chiesta un’assicurazione per chi va in gita.

Doveva essere un’occasione di svago per visitare le bellezze del territorio e si era trasformata, invece, in un vero e proprio incubo quella gita organizzata lo scorso luglio ad Alberobello, in Puglia, per una cavese di quasi 83 anni che – a causa di una caduta – si aveva riportato non solo gravi ferite a una gamba ma era stata anche lasciata da sola in ospedale nei pressi di Bari dal centro anziani che aveva organizzato il viaggio.

A portare la vicenda all’attenzione dell’opinione pubblica era stato il figlio dell’anziana, Alfonso Carleo (già assessore nel corso della passata amministrazione) che – oltre a raccontare l’accaduto – aveva puntato il dito contro il centro anziani. Erano stati poi gli stessi responsabili del centro anziani, nello scusarsi per quanto verificatosi, a spiegare che non avevano potuto fare altrimenti considerata la presenza di altri anziani e la necessità dell’autista del pullman di rimanere nell’ammontare ore di guida consentite.

Sembrava, dunque, che – a scuse ricevute – la questione fosse stata archiviata tuttavia, a distanza di qualche mese, è ritornata ora a far discutere alla luce delle nuove rimostranze e dalle sollecitazioni che sono arrivate dal figlio della donna, l’ex assessore Alfonso Carleo il quale già aveva chiesto all’amministrazione comunale di prendere provvedimenti nei confronti del centro anziani.

E da Palazzo di Città una risposta sembra essere arrivata: la commissione preposta è al lavoro in questi giorni per apportare una serie di modifiche ai regolamenti e alle normative che disciplinano le attività dei centri anziani comunali e, in particolare, le variazioni riguarderanno l’inserimento di un’assicurazione obbligatoria a tutela di quanti prendono parte ai viaggi organizzati.

La notizia è arrivata a margine della scorsa assise cittadina quando la vicenda è stata portata all’attenzione della giunta dal consigliere comunale Marco Galdi.

«Ho chiesto e ottenuto dal consiglio comunale che questa mancanza di responsabilità e sensibilità da parte del centro anziani fosse stigmatizzata – ha spiegato Galdi –. Il rispetto per la dignità delle persone viene prima di ogni cosa. Da qui alla disposizione di una copertura assicurativa, anche pochi spicci, per far sì che queste persone abbiano un risarcimento quando si verificano episodi simili».

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

Aggiungi un commento

Cosa aspetti? Dicci la tua!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi