Cava de' Tirreni EVIDENZA

Cava: canile municipale, pronto il bando per il prossimo triennio

Convenzione in scadenza: il Comune cerca nuovi gestori per il canile municipale di via Alfonso D’Amico e mette sul tavolo 600 mila euro per il triennio 2020-2022.

Cava de’ Tirreni. Il prossimo 30 novembre, infatti, scade la convenzione attualmente in corso con la sezione locale della Lega Nazionale del Cane ed è necessario, nell’ottica del rispetto delle vigenti normative in termini di tutela degli animali e riduzione del fenomeno del randagismo, garantire il prosieguo dell’attività del canile.

Non è escluso, dunque, che la convenzione possa essere rinnovata con la stessa Lega Nazionale del Cane, tuttavia ci sono adeguamenti necessari da portare a termine e obiettivi da raggiungere nei prossimi tre anni tali da richiedere un sostegno finanziario da parte dell’Amministrazione stimato per circa 600 mila euro.

In particolare, a seguito dell’ultima visita presso il Canile, si è potuto constatare che i cani presenti nella struttura (circa 291) godono tutti di ottima salute, sono ben nutriti, vivono in box puliti e suddivisi per tipologia di cane, permettendo agli stessi di trascorrere il loro tempo in maniera serena ed evitando attacchi e zuffe.

«In previsione della nuova gara di appalto – fanno sapere da Palazzo di Città – si è comunque giunti alla conclusione che l’obiettivo prioritario è quello di ridurre quanto più possibile la percentuale del randagismo presente sul territorio e di conseguenza la presenza dei cani ospiti nella struttura. Sarebbe opportuno, dunque, perseguire tale finalità attraverso un progetto di riduzione dei cani randagi e sensibilizzazione dei cittadini al fenomeno dell’abbandono».

Il progetto in questione dovrebbe articolarsi in cinque fasi che prevedono la formazione del contesto sociale, le sterilizzazioni, le profilassi e le cure post profilassi; adozioni e integrazione dell’animale nel tessuto sociale, costituzione task force di controllo e gestione e conversione del canile in oasi polifunzionale.

Nell’ambito del nuovo affidamento sarà quindi data maggiore rilevanza a servizi offerti con un piano graduale della diminuzione delle presenze in canile, una campagna d’informazione per la popolazione e le scuole, protocolli di tracciabilità e controlli sulle adozioni effettuate e rendicontazione annuale al Comune in merito alle attività svolte con pubblicazione dei dati.

Ad ogni modo, vista l’imminenza della scadenza della convenzione e i tempi per l’espletamento del bando, l’assessore al ramo, Antonella Garofalo, ha assicurato che l’attività del canile sarà garantita tramite proroga alla Lega Nazionale del Cane fino a espletamento della procedura.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi