Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Carenze, esaurimento scorte: perché così tanti prodotti scompaiono dai supermercati?

Negli ultimi anni non è passato un mese senza che un prodotto sparisse dagli scaffali dei supermercati, vittima di carenze. Spiegazioni del fenomeno che confonde i consumatori.

C’è stato olio di girasole, sin dall’invasione dell’Ucraina, il principale produttore di questa pianta, da parte della Russia. O la carta igienica all’inizio dell’epidemia di Covid-19 nel 2020. Da inizio marzo a metà agosto, sono stati colpiti senape, condimenti per insalate, bibite, patatine, oli o persino pollame, secondo un barometro compilato da un membro del comitato NielsenIQ.

Resta il fatto che il 96,4% delle referenze è rimasto disponibile sugli scaffali ad agosto, secondo la stessa fonte. Ma il tasso di rotture, della durata media di 4 giorni, è anormalmente alto in un paese abituato a non perdere nulla.

Come spieghiamo queste rotture?

Fino allo scoppio dell’epidemia di Covid-19, rifornire i magazzini era una macchina ben oliata. Prima di effettuare l’ordine, i commercianti stessi si affidavano alle vendite nello stesso periodo degli anni precedenti, tenendo conto di eventi specifici come i festeggiamenti di fine anno o l’arrivo del bel tempo.

Ma dal 2020, tra carcerazioni, lavoro a distanza e l’impatto della guerra in Ucraina, le previsioni sono state molto meno accurate.

Tutti i giocatori concordano sul fatto che sono soprattutto gli acquisti cosiddetti “precauzionali” a svuotare gli scaffali: i clienti, che sentono che il raccolto di senape è andato male, o vedono che gli scaffali sono già vuoti, saranno propensi a comprarne di più prodotti di quelli che normalmente conservano a casa.

“Almeno a giugno, non abbiamo più senape perché abbiamo raggiunto la nostra cifra per l’anno”, ha spiegato di recente su BFMTV Michel-Edouard Leclerc, capo del comitato strategico per i grandi magazzini francesi E. Leclerc. I francesi hanno acquistato in sei mesi ciò che il principale rivenditore pensava di vendere entro un anno.

READ  Vietare la vendita di auto diesel o benzina dal 2035: quando saranno sulle nostre strade i primi veicoli a guida autonoma?

Michel-Edouard Leclerc ha anche affermato: “Se citi un marchio che “potrebbe esaurirsi presto, tutti si affretteranno” ad acquistarlo”.

Questo entusiasmo sfugge ai modelli di previsione per le aziende, che vorranno contemporaneamente effettuare un ordine, intasando la filiera. Inoltre, i fornitori potrebbero essere tentati di addebitare di più perché le scorte disponibili sono oggetto di accese controversie.

interesse dei professionisti

Se l’olio di girasole torna nei negozi, è spesso a prezzi più alti, indicando che i supermercati stanno approfittando della crisi. I professionisti rispondono che queste forniture costano loro, così come l’imballaggio e il trasporto. Ma a causa dell’elevata domanda, alcuni potrebbero essere tentati da prezzi più alti.

In ogni caso, ai trader non piace lasciare gli scaffali vuoti, che vedono come una perdita di profitto, che NielsenIQ stima in 2,7 miliardi di euro da inizio anno. Un numero qualificante, però, perché non tiene conto delle “vendite in eccesso” che si fanno quando il prodotto è disponibile sugli scaffali.

separazione volontaria?

Tuttavia, alcune innovazioni sono scelte da professionisti, siano essi agroindustriali o distributori.

I fan di Mikado, Petit Ecolier, Pépito e Pim’s hanno recentemente notato che alcuni dei loro prodotti sono scomparsi dagli scaffali. Questo è il risultato della decisione del gruppo proprietario di questi marchi, Mondelez, di “pulire a fondo” un sito produttivo, dopo un’allerta di salmonella in uno stabilimento belga di un fornitore di cioccolato, e dopo essersi accertato che nessun prodotto fosse offerto per vendita che conteneva cioccolato contaminato.