Attualità

Caccia: Lipu “A rischio allodole e tortore. Gravi carenze nei piani faunistici venatori”

la red - lipu

Riapre la caccia, ripartono le polemiche.

Con la preapertura della caccia prevista per oggi in 16 Regioni, compresa la Campania si riapre il confronto a muso duro tra cacciatori e associazioni di tutela della fauna e di conservazione della natura.

In particolare a lanciare l’allarme è la Lipu-BirdLife Italia che denuncia anche ”la mancanza, o le gravi carenze, dei piani faunistici venatori delle Regioni: vecchi, prorogati o addirittura inesistenti, tale da far concludere che la caccia italiana è nel suo complesso totalmente illegittima, ovvero priva delle condizioni di base per la sua sostenibilità”.

“C’è una situazione di illegalità generale, di caos gestionale e gravi ritardi – afferma Fulvio Mamone Capria, presidente Lipu – che provoca danni al patrimonio faunistico e ambientale italiano ancora non del tutto calcolabili. Una situazione non più tollerabile, sulla quale potrebbero esserci conseguenze per il nostro Paese, sottoposto a indagine da parte della Commissione europea”.

Secondo l’associazione il ”rischio” riguarda soprattutto ”la tortora selvatica, una specie in netto declino, così come per l’allodola, cacciabile in apertura della stagione dal 18 settembre, per la quale la Lipu ha attivato una campagna che chiede il divieto di caccia”.

Secondo i dati della Lipu, infatti, in Europa le allodole sono già diminuite del 50%. Ogni anno in Italia ne vengono uccise quasi 2 milioni”. 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi