EVIDENZA Finanza Le ricette della Finanza Programma

Btp Italia, la ripresa del Paese e i Titoli di Stato

Le ricette della finanza”: in arrivo un nuovo piatto, il Btp Italia

Il nostro ricettario di educazione finanziaria sta per arricchirsi di un nuovo piatto il Btp Italia che sarà in vendita dal 18 maggio, avrà una scadenza lunga 5 anni e prevede un premio fedeltà per coloro che lo terranno in frigorifero (ops, in portafoglio) fino al termine; il tasso sarà comunicato il 15 maggio.

La nuova emissione del Btp Italia, in procinto di essere lanciata sul mercato, sarà interamente dedicata a finanziare le spese dei recenti provvedimenti del Governo a supporto del sistema sanitario, per la salvaguardia del lavoro e a sostegno dell’economia nazionale.

Passiamo ad analizzare gli ingredienti di questo piatto, destinato alle famiglie (risparmiatori retail), che già da ora sta generando molte aspettative.

Btp, ovvero Buoni del Tesoro Poliennale, sono Titoli di Stato caratterizzati da cedole fisse semestrali che quindi permettono a chi li detiene di avere un reddito costante, ogni sei mesi, per tutta la durata della vita del Btp che può variare da 3, 5, 7, 10, 15, 20, 30 e 50 anni. Il Btp può essere venduto prima della scadenza, ma in questo caso non è detto che si recuperi il capitale investito inizialmente perché il prezzo è determinato dal mercato in quel momento (mercato corrente).

Titoli di Stato, abbiamo detto che il Btp rientra nella grande famiglia dei Titoli di Stato, questi sono obbligazioni emesse regolarmente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze attraverso il Dipartimento del Tesoro per finanziare lo Stato e rappresentano una forma di investimento per i cittadini. In pratica è un prestito che il cittadino fa allo Stato.

Cedola, è la liquidazione degli interessi a scadenze definite.

Clientela retail, o meglio clienti al dettaglio (retail) in pratica sono le persone e le famiglie, rappresentano la base della classificazione degli investitori e, in quanto tale, deve essere la classe maggiormente tutelata perché tali ckienti non hanno le competenze proprie di atre tipologie di clientela.

Il Btp Italia sarà collocato sul mercato attraverso la piattaforma elettronica MOT di Borsa Italiana attraverso quattro banche dealers: Banca IMI S.p.A, BNP Paribas, Monte dei Paschi di Siena Capital Services Banca per le imprese S.p.A., Unicredit S.p.A..

MOT, è il Mercato Telematico delle Obbligazioni e dei Titoli di Stato è il mercato secondario regolamentato gestito dalla Borsa Italiana S.p.A dove, attraverso un intermediario finanziario, si può comprare o vendere Titoli di Stato e altre obbligazioni e quindi anche il nostro piatto (Btp Italia).

Mercato secondario, è il luogo dove sono trattati i titoli già in circolazione, che vi rimangono fino alla loro eventuale scadenza. Quindi, nel mercato primario nasce un titolo che, dopo l’emissione ed il collocamento passa al mercato secondario.

Seguendo lo schema ricorrente, il collocamento del titolo avverrà in due momenti:

  • da lunedì 18 a mercoledì 20 maggio, per il mercato retail, ovvero i risparmiatori individuali e affini;
  • il giovedì 21 maggio, per gli investitori istituzionali.

Il Dipartimento del tesoro del Mef, nel comunicato stampa di presentazione di questa particolare emissione a sostegno della sanità e della ripresa, invita i risparmiatori retail “laddove possibile, ad utilizzare il canale del trading online, senza recarsi in filiale o presso gli uffici postali dove si detiene il conto titoli” sottolineando che tale modus operandi costituisce “un’opportunità particolarmente raccomandata oggi, proprio in ragione dell’emergenza in corso”.

Lo schema del titolo di Stato prevede una scadenza a 5 anni, particolarmente gradita in questo momento ai risparmiatori retail.

Gli investitori che lo terranno fino al 2025 potranno godere di un “premio fedeltà” dell’8 per mille, raddoppiato rispetto alle precedenti emissioni. Tradotto in soldoni il premio sarà di 8 euro ogni 1000 euro di Btp Italia acquistato.

Grande attesa per conoscere il tasso di interesse che sarà reso noto il 15 maggio giorno in cui il Tesoro comunicherà il “tasso reale annuo minimo garantito”. Si dovrà poi attendere fino al 21 maggio per sapere il tasso definitivo.

Ad oggi il rendimento dei Btp a 5 anni è attorno all’1,2%.

Il Btp Italia è indicizzato all’inflazione e non andrà in negativo in caso di deflazione; essendo un titolo di stato offre, poi, dei vantaggi fiscali per il risparmiatore rispetto ad altre forme di investimento in quanto la tassazione applicata sulle rendite è del 12,5% contro il 26%.

Quello che più conta, però, è che il Btp Italia servirà alla ripresa del Paese e pertanto merita la dovuta attenzione dei risparmiatori italiani la cui straordinaria solidarietà è emersa in questi terribili giorni di pandemia.

Altri ingredienti li analizzeremo un’altra volta.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi