Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Boogers l’attenzione degli scienziati

Spiegano che la caccia alle caccole si chiama tillexo rhino mania. Se li mangi, questo si chiama deglutizione della mucosa.

Durante i 22.000 cicli respiratori giornalieri, il muco che forma l’insetto funge da filtro primario per catturare polvere e allergeni.

E cosa dice la scienza sui pericoli della caccia alle spore?

Lo Staphylococcus aureus, un germe che può causare infezioni, si trova spesso nel naso.

Pizzicarsi il naso può aumentare il rischio di infiltrazione di Staphylococcus aureus nella ferita. Mettere un dito nel naso è anche un ottimo modo per spingere i germi nel tuo corpo o diffonderli nell’ambiente con il tuo dito ambiguo.

E se non potessimo davvero aiutarlo?

Lavati le mani dopo aver usato il dito. Fino a quando il muco non è completamente asciutto, i virus infettivi possono rimanere sulle mani.

Il cadavere di un ragno in un robot: un esperimento alquanto terrificante per gli scienziati

Nel laboratorio di robotica di Preston, una studentessa di ingegneria meccanica usa ragni morti nei suoi robot. L’obiettivo è far sì che siano in grado di aggrapparsi alle cose.

Grazie alle loro ridotte dimensioni, questi robot possono essere particolarmente utili per prelevare, posizionare e smistare piccoli oggetti. Possono essere utilizzati ad esempio per assemblare componenti elettronici.

L’uso di carcasse di ragno genererà anche meno rifiuti. Ciò eviterebbe di progettare nuovi materiali.

Che idea meravigliosa!

Dopo aver scoperto un ragno morto nel suo laboratorio, il capo dell’esperimento voleva capire perché i ragni morti si raggomitolavano su se stessi.

Risposta: Quando i ragni sono vivi, usano la pressione sanguigna per inviare sangue alle gambe per allungarle. Questo è il meccanismo che gli scienziati vogliono sfruttare.

Sappiamo da dove viene il continente plastico del Pacifico settentrionale

Secondo i ricercatori olandesi coinvolti nell’Ocean Cleanup Project, il 90% dei rifiuti che circolano nel North Pacific Gyre proviene da soli sei paesi.

Nel 2019, una missione oceanografica condotta dall’organizzazione no profit Ocean Cleanup e dall’Università di Wageningen, ha recuperato più di 6.000 pezzi di detriti di plastica dura (> 5 cm) nella famosa discarica del Pacifico settentrionale. Da allora questo relitto è stato selezionato, contato, pesato e analizzato per determinarne l’origine e l’età.

I ricercatori hanno scoperto che dal 75% all’86% dei rifiuti identificabili proveniva da attrezzi da pesca.

Da dove vengono queste plastiche?

Da Giappone, Cina, Corea del Sud e Stati Uniti a Taiwan e Canada.

Ma questa plastica visibile in superficie rappresenta solo una piccola parte delle emissioni globali di plastica nell’ambiente marino. Diversi milioni di tonnellate di rifiuti di plastica mal gestiti entrano negli oceani ogni anno dai fiumi di tutto il mondo prima di accumularsi sul fondo del mare.

Le diete degli esseri umani preistorici sono state parzialmente ricostruite

In Gran Bretagna, i ricercatori hanno appena trovato nuove prove sulla dieta dei popoli che abitavano la Scozia settentrionale diverse migliaia di anni prima della nostra era.

Molti pezzi di ceramica sono stati trovati sul fondo delle acque intorno al Cranoge in Scozia, che contengono rovine sorprendentemente ben conservate.

Allora cosa mangiavamo in Scozia 6000 anni fa?

Grazie a un’analisi chimica approfondita, gli scienziati si sono resi conto che questa cucina era elaborata, basata sulla cottura dei cereali in pentola, mescolandoli con latticini, a volte anche con la carne! Questi piatti cucinati sarebbero i precursori degli stufati di oggi.

READ  È il primo del suo genere al mondo per i ricercatori dell'Università della California a Louvain che hanno scoperto un farmaco contro il Covid