Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“BNP Paribas dovrebbe rimediare a me”


Il 20 aprile, Fernand, 80 anni, ha ricevuto un’e-mail dall’indirizzo e-mail “noreply@vlaanderen.be”. Pensava di avere a che fare con un indirizzo ufficiale, non ha prestato attenzione. Ho dovuto confermare la data della mia quarta dose di vaccino contro il coronavirus e sono stato indirizzato a Itsme. Ma non potevo confermarlo, quindi non sono andato oltre”, spiega a Belang van Limburg.

All’epoca, Fernand non immaginava di perdere vicino ai 2.500 euro. Infatti, pochi giorni dopo, ha scoperto che una società con sede a Utrecht gli aveva addebitato 2.498,43 euro. Non conosceva questa società e ha immediatamente bloccato la sua carta e l’ha denunciata alla polizia.

Ha quindi contattato Ombudsfin, l’intermediazione di servizi finanziari, che ritiene di non avere nulla di cui vergognarsi e che spetta alla sua banca, BNP Paribas, risarcirlo. Ma dal lato BNP, si stima che Fernand abbia torto. “Spetta alla banca assicurarsi che il sistema di pagamento sia sicuro, e anche per le persone della mia età. Rivoglio i miei soldi”.

Purtroppo per l’80enne, la banca conferma di aver agito con Digipass e di aver inserito i dati personali. Quindi ha autorizzato il pagamento. “La banca non è quindi obbligata a rimborsarlo”.

BNP sta approfittando di questa avventura illecita per ricordarti che dovresti stare attento e che dovresti usare il tuo digipass solo per i pagamenti che disponi e non su richiesta di terzi.

READ  Il rischio incendio Mercedes costringe al richiamo di centinaia di migliaia di auto: ecco i modelli coinvolti!