Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Biologico e salutare, come fai a trovare la tua strada quando non sei uno scienziato?

Su quali argomenti hai lavorato?

Ho lavorato molto sulla tossicità dei pesticidi su diversi modelli e in diversi contesti. Questo è un problema importante per l’agricoltura biologica perché uno dei suoi metodi è ridurre l’esposizione ai pesticidi. I consumatori possono dire a se stessi che ciò ha implicazioni per la loro salute. Spesso questo è un argomento di marketing.

Mangiare cibi biologici fa bene alla salute?

Se vuoi davvero una risposta in bianco o nero, mangiare biologico è effettivamente meglio per la tua salute. Ma entrano in gioco molti fattori. Esistono diversi tipi di sostanza organica. L’agricoltura biologica è diventata una Argomento di marketing. Troveremo prodotti biologici che non faranno bene alla salute.

Ma come vedi chiaramente quando sei un consumatore piuttosto che uno scienziato?

È difficile avere una visione dettagliata e capire ogni prodotto cosa c’è dentro, se fa bene o meno alla salute. Ma è vero che ci sono delle regole generali che devono essere adottate. Quando acquisti dal mercato, c’è una maggiore possibilità che provenga da produttori più piccoli, perché ci sono più controlli. Se acquistiamo prodotti confezionati al supermercato, come lattine, da asporto e barrette di cioccolato biologico, saremo più nell’approccio del marketing perché non si tratta necessariamente di prodotti salutari.

È vero che ci sono regole generali che devono essere adottate. Quando acquisti dal mercato, c’è una maggiore possibilità che provenga da produttori più piccoli, perché ci sono più controlli.

Cosa sappiamo oggi sugli effetti dell’esposizione umana ai pesticidi, in particolare sugli alimenti?

Gli effetti dei pesticidi sono molteplici. Ci sono molti insetticidi differenti. È noto che i pesticidi spruzzati su frutta e verdura, a volte anche dopo la raccolta, possono avere un impatto sulla salute soprattutto su quelli più sensibili come infante. Diversi studi scientifici indicano che l’esposizione ai pesticidi durante la gravidanza può portare ad autismo e malformazioni.

Il che significa che il semplice fatto di mangiare frutta come te di cui ho parlato, che è stata esposta a trattamenti di tipo pesticida, può mettere a rischio la nostra salute così come quella del bambino anche se il loro uso è completamente legale.

In effetti, questo è il caso che sappiamo bene, i pesticidi spruzzati sul frutto possono compromettere lo sviluppo del bambino se esposti durante la gravidanza. È un rischio che conosciamo da molto tempo, ma a volte è anche molto difficile rinunciare a questi pesticidi. In realtà c’è un equilibrio tra benefici e rischi che è molto delicato, motivo per cui alcuni di questi prodotti non sono ancora stati banditi. Questo è particolarmente vero per glifosato, che è un prodotto velenoso ma anche molto importante per l’agricoltura. In questo caso, se vietiamo un pesticida, potremmo ritrovarci con qualcosa di più serio e pericoloso.

READ  quei pericoli rappresentano le sostanze chimiche tossiche au quotidien ?

La domanda che mi viene in mente è come lo facevamo prima dell’avvento dei pesticidi? Mangiavamo di meno?

Abbiamo mangiato bene! Indipendentemente dalla contaminazione da pesticidi, frutta e verdura erano più ricche di vitamine e minerali perché il nostro metodo di coltivazione era diverso. Ma abbiamo raggiunto un punto in cui la popolazione è in aumento, i seminativi (che possiamo coltivare) si stanno deteriorando e abbiamo molte meno opportunità di coltivare prodotti nutrienti. Siamo in una situazione di fuga, il che rende sempre più difficile garantire la produzione in quantità e qualità.

Abbiamo mangiato bene! Indipendentemente dalla contaminazione da pesticidi, frutta e verdura erano più ricche di vitamine e minerali perché il nostro metodo di coltivazione era diverso.

Ho sentito che il biologico era salutare perché non usavamo pesticidi…

Ci sono diversi aspetti della crescita organica che possono renderla più sana. Un pesticida. Ma forse questa non è la cosa principale. in agricoltura tradizionaleFrutta e verdura sono più mature, vengono coltivate più tardi e ci sono meno trattamenti con fertilizzanti. Quindi questi sono frutta e verdura più nutrienti. Questo non si applica necessariamente ai prodotti organici sintetici nel supermercato. Si tratta piuttosto di prodotti locali, delle rispettive fattorie e che sono più nutrienti. Oltre a contenere meno sostanze inquinanti, la frutta e la verdura biologica sono generalmente più nutrienti e salutari.

Ritenete che la norma europea per i prodotti biologici richieda requisiti sufficienti nella parte “uso di prodotti chimici”?

Non lo conosco nel dettaglio. Ma queste specifiche tendono a cambiare per soddisfare la domanda dei consumatori perché richiedono sempre più elementi organici ed è difficile garantire una coltivazione su larga scala. È vero che c’è più inazione. Le regole sono più flessibili. Per garantire un seguito attento e diligente dell’agricoltura biologica, sarà necessario tornare a queste specifiche.

READ  Ridurre gli impatti sanitari, sociali ed economici delle emergenze di salute pubblica

Puoi parlarmi un po’ degli OGM. Dove siamo oggi alla ricerca di questa parte?

La situazione degli OGM non è cambiata molto negli ultimi dieci o vent’anni. Queste sono ancora piante fatte per resistere o produrre pesticidi e vengono coltivate principalmente negli Stati Uniti o in Sud America. Ma è vero che quello che ora sappiamo è che la tecnologia OGM in sé e per sé non è un problema. Non c’è pericolo nel mangiare cibi geneticamente modificati. Il pericolo è quando questi esemplari vengono spruzzati con pesticidi e si accumulano all’interno della pianta. C’è un rischio da valutare.

Stavi parlando dell’effetto dell’uso di pesticidi sulle persone sensibili soprattutto durante la gravidanza e la prima infanzia, ma per quanto riguarda la biodiversità o il territorio?

Anche per la terra è un problema. I pesticidi e la coltivazione intensiva rendono il terreno meno ricco, deteriorato e più difficile da rinnovare. A volte si verificano situazioni in cui il terreno in determinati luoghi diventa inadatto alla coltivazione. E questo è davvero un grosso problema perché abbiamo sempre più persone sulla terra e sempre meno terreno da coltivare. C’è molto sviluppo in agricoltura per passare all’agricoltura rigenerativa del suolo perché è un grave problema per la biodiversità sui terreni agricoli.

Come ricercatore di queste domande, quali sono le tue abitudini alimentari? Come mangi?

Quando ho la scelta tra un prodotto biologico e un prodotto non biologico o equivalente, è vero che sceglierò il prodotto biologico. Ma la mia prima scelta è mangiare una dieta variata di frutta, verdura e cibi fermentati oltre a cibi locali. Tra una mela locale non biologica e una mela argentina biologica, prendo la mela locale non biologica perché sono rispettosa dell’ambiente.

Tra una mela locale non biologica e una mela argentina biologica, prendo la mela locale non biologica perché sono rispettosa dell’ambiente.

Il Made in France biologico è un faro? È un’idea abbastanza comune, l’appartenenza in Francia sarebbe abbastanza tradizionale in termini di ambiente ma anche nelle sue specifiche. Potrebbe essere un faro di orientamento dei consumatori per quanto riguarda la Spagna o il Portogallo, ad esempio?

può essere. Organic Made in France è prodotto meglio del prodotto biologico proveniente dal Brasile o dall’Argentina venduto nei nostri supermercati. In questi paesi in via di sviluppo, ci sono più problemi in termini di qualità del suolo e dell’acqua… In Francia abbiamo più esperienza, conoscenza ed esperienza. È vero che i prodotti francesi devono essere preferiti per mantenere la nostra agricoltura. Gli agricoltori si distinguono per le loro pratiche mentre si trovano in un sistema in cui non hanno una vera scelta. Sta diventando sempre più difficile per loro. Hanno sempre meno possibilità di coltivazione. I prezzi sono alti e gli stipendi molto bassi. situazione difficile. La preferenza della Francia per il biologico è una scelta per la salute ma anche per la nostra cultura.

READ  Dai la tua opinione ai professionisti in merito al contesto sanitario legato al Covid-19