Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Biden rifiuta di chiamare la Russia uno “stato sponsor del terrore”: “Potrebbe minare la nostra capacità di sostenere l’Ucraina”

Alla domanda su questo lunedì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha rifiutato un secco “no”, interrompendo mesi di procrastinazione degli Stati Uniti, almeno in pubblico.

Martedì, la portavoce della Casa Bianca Karen-Jean-Pierre, a cui è stato chiesto di spiegare la risposta del presidente Biden, ha affermato che tale descrizione “non è né la più efficace né la più forte per ritenere la Russia responsabile” per la sua invasione dell’Ucraina.

In particolare, ha affermato il funzionario, ciò potrebbe danneggiare gli sforzi per fornire aiuti umanitari all’Ucraina.

Ha aggiunto che una tale caratterizzazione potrebbe “minare l’alleanza multilaterale senza precedenti che è stata così efficace nel tenere (il presidente russo Vladimir) Putin responsabile e la nostra capacità di sostenere l’Ucraina” nei negoziati.

Con il paese che proviene dalla più grande economia del mondo, etichettare il paese come “sostenitore del terrorismo” ha conseguenze di vasta portata, inclusa l’esposizione di banche e società statunitensi ad azioni legali.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto a fine giugno che la Russia sia riconosciuta come “stato sponsor del terrorismo”, il giorno dopo uno sciopero russo in un centro commerciale che ha ucciso almeno 18 persone.

Da parte loro, i legislatori statunitensi, inclusa la presidente della Camera democratica Nancy Pelosi, hanno richiesto tale qualifica per aumentare la pressione su Mosca più di sei mesi dopo l’invasione dell’Ucraina.

A metà agosto il parlamento lettone ha descritto la Russia come uno “Stato che sostiene il terrorismo”, le cui azioni in Ucraina costituiscono un “genocidio mirato contro il popolo ucraino”, in una dichiarazione subito accolta da Kiev e denunciata da Mosca.

READ  Guerra in Ucraina: la situazione è "catastrofica" a Marioupol selon Medici senza frontiere

Solo quattro paesi al mondo sono stati designati dagli Stati Uniti come stati sponsor del terrorismo: Iran, Siria, Corea del Nord e Cuba.