Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

BARCELONNETTE: Renaud MUSELIER inaugura il Centro Regionale Sanitario di Barcellona

Sabato 18 dicembre, Renaud MUSELIER, presidente di Provence-Alpes-Côte d’Azur, vicepresidente delle regioni in Francia, ha aperto il Centro sanitario regionale a Barcellona, ​​​​prima di andare a Sauze, in compagnia di François de CANSON, Presidente della Commissione Regionale Turismo (CRT) ).

Vercher

In questa occasione, il capo della regione ha ricordato il suo impegno nella lotta ai deserti medicinali in montagna prima di annunciare che 200 milioni di euro saranno mobilitati tra il 2021 e il 2027 per garantire il futuro delle località del Sud delle Alpi, in particolare grazie allo sviluppo di turismo quattro stagioni.

Discorso Renault Muselier
Capo della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra,
Vicepresidente delle Regioni della Francia
Apertura della Casa Regionale della Salute
Barcellona
sabato 18 dicembre 2021

Sono molto lieto di trovarvi qui, a BARCELONNETTE, all’interno di una delle 87 case benessere multidisciplinari regionali.
È motivo di grande orgoglio per tutti i professionisti della salute che sono installati qui.
È motivo di grande orgoglio per il presidente del dipartimento, la mia amica Elaine Barrell, che assicura l’aspetto medico e sociale delle politiche sanitarie locali.
È un grande orgoglio per il sindaco e per la mia amica e collega Sophie Vaginay Ricourt, con cui abbiamo combattuto insieme nella battaglia delle elezioni regionali, mentre insieme conduciamo la lotta contro la desertificazione medica delle sue terre!
Perché sì, sei qui nel cuore di un’area classificata come area di lavoro integrativa, dove la densità dei medici di base era due volte inferiore alla media regionale prima che questa casa di cura fosse istituita!
Nel 2013, il progetto di questa casa sana è stato avviato dal comune e dal distretto. Abbiamo iniziato a rivolgerci agli operatori sanitari del comune per creare le condizioni per l’accoglienza di giovani medici. Anticipa una pensione pratica, preparati per il futuro, figlio mio!
È quello che abbiamo fatto qui, con il sindaco, e con l’Azienda sanitaria regionale, che ha approvato il progetto nel 2018. Hanno impegnato ciascuno una parte del budget, 875.000 euro dal comune, 326.000 euro per la circoscrizione, 750.000 euro per ed ecco il risultato!
Due medici di base dal 2022, tre infermieri, un dentista, tre fisioterapisti, un logopedista, un dietista, uno psichiatra, uno psichiatra, un ortodontista. E ci aspettiamo altri tre GP nei prossimi anni!
Ecco, cari amici, la guerra ai deserti medicinali come la combattiamo insieme da cinque anni!

READ  Scoperti due nuovi pianeti attorno a una stella simile al sole

87 centri sanitari regionali, 12 medici di base incoraggiati a istituire, 139 apprendistati rurali e 35 sale d’attesa o aree di accoglienza rinnovate. Il tutto per un impegno regionale di 76 milioni di euro tra il 2015 e il 2021.
La vostra presenza qui oggi è la prova del successo di questa politica sanitaria. Questa è la prova che le comunità del Sud sanno lavorare insieme e condurre questa lotta essenziale per la salute dei nostri concittadini!
Grazie a ciascuno di voi per aver reso questo progetto un successo.
Con Olivier Veran abbiamo appena firmato un accordo storico che avrà un impatto su tutto il nostro territorio. Non ho paura di usare la parola “storico” per almeno due ragioni.
Innanzitutto, e ci tornerò, perché nessuno ci avrebbe creduto, un anno fa, se ci fossimo aspettati di firmare un accordo statale e territoriale sulla salute!
Ma soprattutto, perché lo Stato e la Regione si sono impegnati a fornire all’ospedale pubblico Provence-Alpes-Côte d’Azur un importo di 632 milioni di euro!
Il 5 gennaio ho firmato un contratto per il futuro del valore di 5,1 miliardi di euro con il Presidente del Consiglio!
E infatti, in quel momento, abbiamo concordato di includere per la prima volta una componente sanitaria per un importo di 141 milioni di euro.
Poi venne il Ségur de la Santé guidato dallo stato. E dove una delle priorità era dare nuova vita all’ospedale generale francese!
Questo ci porta a questa storica firma da 632 milioni di euro!
Lo Stato ci mette a disposizione 553 milioni di euro per l’Ospedale del Distretto Sud per lavori di ristrutturazione, ristrutturazione e migliorie!
La Regione sosterrà, per la prima volta nella sua storia, questo sforzo, al di fuori delle sue competenze, con 79 milioni di euro, di cui 10 milioni provenienti da fondi europei!
Nelle Alpi dell’Alta Provenza, gli ospedali di Riez, Manosque e Digne sono interessati da questo sostegno. BARCELONNETTE sarà la seconda ondata di casi ad essere sostenuti dalla Regione.
37 ospedali della regione sono interessati da questa partnership. Con questo protocollo veniamo in aiuto al Policlinico Regionale! Forniamo una risposta politica e tecnica alla crisi che sta affrontando. Non solo la crisi ospedaliera che tutti vedono su BFM, con i grandi ospedali, ma anche gli ospedali locali, la vita quotidiana di milioni di francesi.
Come il caso di Draguignan dove le emergenze vanno chiuse di notte, come il caso dei Carpentras dove le emergenze hanno visto raddoppiare il numero dei malati in soli 20 anni!
So che ci sono molti esempi nella regione.
In totale la Regione stanzierà 710 milioni di euro alla sanità nei prossimi sei anni!
E noi verremo in aiuto, miei cari amici, ovunque potremo! Come medico di formazione, apprezzo la profonda crisi che l’emergenza COVID-19 ha rivelato al nostro sistema sanitario.
Una crisi profondamente preoccupante che colpisce personale, infrastrutture e pazienti.

READ  Gli astronomi si stanno preparando per un annuncio "rivoluzionario" sulla Via Lattea

Per una comunità al di fuori della sua sfera d’azione, questo impegno storico sarà articolato attorno a cinque grandi priorità:

– Combattere i deserti medici, con centri sanitari regionali e incentivazione a stabilirsi nelle zone rurali, telemedicina con 60 milioni di euro, – Sostenere le infrastrutture ospedaliere, in collaborazione con lo Stato per rinnovare, ricostruire e attrezzare le sale d’attesa con 90 milioni di euro – Formazione paramedica, la nostra competenza storica e “la nostra risposta La seconda” per la crisi ospedaliera da 500 milioni di euro – stiamo sperimentando con 16.700 studenti in 87 sedi di formazione e il settore è il principale datore di lavoro. A questo punto, abbiamo già offerto ulteriori 1.200 posti nel Distretto Sud entro la fine del 2022, di cui 500 infermieri e 540 assistenti infermieristici, con finanziamenti statali. Abbiamo bisogno di più e siamo pronti a impiegare più risorse per far avanzare ulteriormente questo sforzo. Abbiamo bisogno anche di fisioterapisti, abbiamo votato ieri per istituire una scuola per manipolatori di radiologia nel Var, e lunedì getteremo la prima pietra per un istituto di formazione per infermieri e assistenti infermieristici.
a Tolone!
– Il Piano regionale per la lotta al cancro, di cui avvieremo la seconda fase il 31 gennaio, in collaborazione con la Lega contro il cancro, a cui destiniamo 41 milioni di euro,
Sostenere l’innovazione in sanità, con le nostre competenze economiche, per far emergere pepite e soluzioni nel campo della salute attraverso le nostre operazioni terapeutiche innovative di interesse regionale del valore di 19 milioni di euro.

Così destineremo le risorse della Regione al servizio della salute dei nostri cittadini nei prossimi sei anni. Con lo Stato, con l’aiuto dell’Agenzia regionale della sanità, e del suo direttore generale Philippe de Maistre, a cui oggi vorrei rendere omaggio. Durante la crisi come oggi, è stato un interlocutore affidabile ed efficace per lo Stato. Sono molto contento dell’apertura della casa di cura.

READ  des médecins salariés "et soumis aux 35 heures"