Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bandire i motori termici nel 2035: una “decisione storica sul clima”…da prendere in seria considerazione

Nel 2019 (l’ultimo anno “normale”, intendiamo “senza Covid” per il quale abbiamo dati completi), il mondo ha rilasciato 38 miliardi di tonnellate di anidride carbonica (Mt CO2) secondo fonti ufficiali. Di questi, l’Unione Europea ha emesso 2,94, ovvero circa il 7,7%. Il trasporto su strada rappresenta quasi il 20% delle emissioni di anidride carbonica dell’Europa, ovvero 0,59 milioni di tonnellate di anidride carbonica. Automobili e veicoli commerciali leggeri, le due categorie di veicoli oggetto del divieto di motori a combustione interna, rappresentano il 71,6% di queste emissioni legate ai trasporti, ovvero 0,42 milioni di tonnellate di anidride carbonica. Quindi, un rapido calcolo ci consente di stimare che questa decisione consentirà una riduzione del … 1,1% delle emissioni di anidride carbonica su scala globale!

E ancora, solo quando l’intero materiale rotabile europeo rinuncia al petrolio. Quindi non nel 2035, né nel 2036 quando Marchi specializzati sarà anche interessato. Ma forse 20 o 30 anni dopo, nella migliore delle ipotesi. Sapendo che – fatta eccezione per una nuova decisione europea che ne vieta completamente l’uso – alcuni fanatici continueranno a far funzionare le loro auto “a benzina”.

Se ogni gesto conta nella lotta al riscaldamento globale, siamo ancora molto lontani dalla “risoluzione storica sul clima”, soprattutto se consideriamo l’energia aggiuntiva necessaria per costruire le auto elettriche.

READ  Le alternative Omicron dominanti in Portogallo