Campania Cronaca EVIDENZA Napoli

Bancarotta fraudolenta: sequestrati beni alla società che gestisce il teatro Sannazaro

Bancarotta fraudolenta: sequestrati beni alla società che gestisce il Teatro Sannazaro di Napoli. Apposti i sigilli a tutti i macchinari ed i materiali scenici

La Guardia di Finanza di Nola ha eseguito il sequestro preventivo delle quote societarie e dei beni della società su ordine del Gip del tribunale locale. I finanzieri hanno apposto i sigilli a tutti i macchinari e materiali scenici utilizzati dal teatro. L’accusa è di bancarotta fraudolenta per distrazione. I finanzieri hanno appurato che il gruppo familiare cui fa capo la gestione del Teatro avrebbe perpetrato una “condotta delittuosa di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale” con un danno ai creditori pari a oltre un milione di euro. Secondo la procura di Nola, la subentrata società avrebbe ereditato i beni della società precedente, fallita nel 2016, organizzando un finto fallimento. Prima della bancarotta, secondo l’accusa, ci sarebbero state una serie di cessioni di quote societarie da parte della vecchia azienda, acquisite dalla nuova, garantendo così il fallimento pilotato gestito da soggetti appartenenti alla stessa famiglia.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi