fbpx
Cronaca Napoli

Bacoli, sito archeologico trasformato in serra per canapa. Due arresti

Bacoli

Il sito archeologico “Grotta di Scalandrone” usato come serra. Due arresti per produzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Bacoli: avevano allestito una sofisticata serra per la coltivazione della canapa indiana nel sito archeologico “Grotta di Scalandrone”, un’antica galleria utilizzata in epoca romana come ramo secondario dell’acquedotto di Serino: la Guardia di Finanza di Giugliano in Campania ha arrestato due persone di 46 e 33 anni, con l’accusa di produzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

La serra, che si trovava in una posizione defilata rispetto alla campagna, era dotata di un sistema di irrigazione di altre apparecchiature che ne consentivano la produzione “a ciclo continuo”. L’accesso era garantito da un cunicolo che si trova a lato della strada provinciale. Un’altra persona, ritenuta collegata ai due soggetti posti oggi ai domiciliari, e’ stata arrestata nei mesi scorsi nell’ambito della stessa indagine iniziata lo scorso agosto e coordinata dagli inquirenti della Procura di Napoli Nord.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi