Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aveva una grossa pietra che pesava circa 100 chili.


Melanie e Bruno Dabeldoorn hanno dovuto vivere per sei anni con la perdita della figlia. “Condividendo la nostra storia ora, possiamo raccontare cosa ci è successo. Forse conforterà gli altri. Sappiamo che sfortunatamente non siamo gli unici a cui sta accadendo”, hanno detto a RTL Nieuws.

Nadine è caduta il sesto giorno della sua vacanza ad Alanya. La bambina e suo fratello si fermarono al Belvedere, e cominciarono a salire, quando risuonò un grido. “Ho subito visto che un grosso sasso di circa 100 chilogrammi era a metà sopra di esso. L’ho spinto via. E ho iniziato a rianimare”, ricorda suo padre. La famiglia ha aspettato un’ora e mezza per chiedere aiuto. Aiuto invano, perché Nadine è morta sul colpo.

“Potrebbe essere pazzesco”, dice suo padre, “ma ho ceduto a quello che è successo”. “La natura dà e prende. Ho accettato. Nel frattempo, sua madre è tornata sulla scena un anno dopo l’incidente. “Avevo davvero bisogno di lei. Il nome di Nadine era inciso su una pietra e l’ho lasciato lì. Mi ha confortato. »

La ragazza sogna di viaggiare e i suoi parenti compiono un rituale ad ogni viaggio: portano pietre di Nadine dai paesi che hanno visitato. “Quando viaggio porto sempre con me il suo passaporto oltre al passaporto. È così che Nadine viaggia sempre con noi”, conclude la madre.

READ  Israele bombarda la Striscia di Gaza: l'uccisione di una ragazza e di alcuni civili