Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Avendo avuto ragione nel 2014 e nel 2018, uno studio prevede la Coppa del Mondo 2022


Joachim Clement lavora per l’intermediazione globale “Liberum”. Con sede a Londra, la scorsa settimana ha pubblicato uno studio di dodici pagine. Il suo lavoro non riguarda l’alta finanza ma il calcio e la Coppa del Mondo. Nonostante i miliardi investiti dal Qatar, si può parlare di finanziamenti elevati. Titolo di studio? “Strategia, responsabilità e sostenibilità: previsioni della Coppa del Mondo FIFA”. E tutti ne parlano! Il ragazzo è orgoglioso di se stesso perché, con il suo modello, ha ritrovato i vincitori degli ultimi due Mondiali. Vale a dire la Germania nel 2014 e la Francia nel 2018. Anche i banchieri si sono assunti dei rischi, sulla base del proprio modello. Nessuno ha trovato la formula magica!

La maledizione dell’inquilino

E cosa si aspetta il signor Clement? Finale tra Inghilterra e Argentina. La squadra di Messi vincerà. Belgio? Con una probabilità dell’80% di superare il primo round, affonderà negli ottavi di finale contro la sua vera ira: la Germania. Anche lo stratega degli investimenti osa segnare: 2-1 a favore dei tedeschi con un gol di Kai Havertz che, seppur fin qui insipido, determinerà il gol della vittoria. Francia ? Il Messico uscirà nella stessa fase! Ricorda che c’è un detentore del titolo della maledizione. In quattro degli ultimi cinque Mondiali, i campioni in carica sono stati eliminati dalla fase a gironi (Francia nel 2002, Italia nel 2010, Spagna nel 2014 e Germania nel 2018). Solo nel 2006 i campioni in carica del Brasile sono riusciti a uscire dalla fase a gironi, ma poi hanno perso nei quarti di finale. »

Così parla della “prima sorpresa” dei Mondiali 2022. “La Francia arriva in Qatar con grandi speranze e una delle migliori squadre del pianeta in questo momento. Mbappe è bravo o meglio di Messi e Ronaldo alla sua età. Si dice che il 70% della terra sia coperto d’acqua, il resto da N’Golo Kanté. Quanto a Lucas Hernandez, continua a frustrare gli attaccanti dell’avversario. Se una di queste stelle si dovesse infortunare o perdere la forma, giocatori come Ibrahim Konate, Christopher Nkunko e Karim Benzema possono subentrare con poca o nessuna perdita di qualità (.. .) Ma i messicani si adatteranno meglio alle condizioni del torneo. Torneo che si svolge a novembre quando i giocatori europei sono nel bel mezzo della la stagione mentre la squadra messicana inizierà solo”.

Migliore comfort e più fresco, questi messicani “saranno anche più tolleranti al caldo”.

fattore fortunato? 55% del risultato

Clement non è un modello Martingale. Il britannico ammette che il successo di qualsiasi squadra o meno ai Mondiali dipende dal… 55% del fattore fortuna. “Non prenderlo troppo sul serio”, ha risposto quando gli abbiamo chiesto se pensava davvero che saremmo stati spazzati via altrettanto rapidamente, come i francesi. “Le previsioni sull’economia e sul mercato azionario sono impossibili quanto le previsioni sui Mondiali. Cercare di pronosticare i Mondiali è come giocare alla lotteria. Nessuno conosce l’esito, ma tutti facciamo finta di avere una bella storia sul perché le cose dovrebbero andare il modo in cui ci aspettiamo. Questo vale per le partite di Francia e Belgio o altro. Un’altra squadra nella prossima Coppa del Mondo.


Joachim Clement ha studiato matematica e fisica al Politecnico federale di Zurigo, ottenendo un master in matematica. Non fa affidamento sulla sfera di cristallo di Madame Irma per fare le sue previsioni. C’è, ovviamente, uno studio delle probabilità e dei valori delle squadre di qualificazione ma non solo. Oltre alla fortuna, la competizione sportiva si basa su fatti più oggettivi. Pertanto, studiamo il PIL pro capite. Più ricco è il paese e le persone, migliori sono le infrastrutture sportive. Un paese con buoni caratteri ha maggiori possibilità di vincere. Ma il paese non dovrebbe essere così ricco perché i suoi figli eviteranno il calcio per giocare alla PlayStation o praticare uno sport “più specifico”. Anche la dimensione della popolazione è importante. Ciò è particolarmente vero per i paesi dell’America Latina in cui il calcio è una religione. Non è come in India o in Cina, dove lo sport è relegato lontano dal cricket per uno e dal ping pong per l’altro.

La temperatura è un altro fattore importante. Se il paese è troppo caldo o troppo freddo, diventa molto difficile e persino impossibile giocare a calcio.

14 gradi meglio

La temperatura media annuale ideale per un pallone sembra essere di 14 gradi. Questo corrisponde all’incirca alla temperatura osservata nella maggior parte dell’Europa meridionale e del Sud America. Le due eccezioni sono: l’Inghilterra (1966) e la Germania deterministica (1954, 1974, 1990 e 2014).

Clement ricorda che il mondo ha anche un impatto sull’economia. E così la rivista finanziaria più famosa del mondo ha pubblicato, nel 2007, che se un paese avesse perso agli ottavi di finale della Coppa del Mondo, il mercato azionario nazionale di quel paese avrebbe subito una perdita straordinaria dello 0,49% il giorno successivo. Studi sui mercati azionari in Spagna, Regno Unito e Uruguay hanno dimostrato che i risultati dei loro team influenzano i rendimenti del mercato azionario locale. I mercati si comportano meglio dopo aver vinto e peggio dopo aver perso.

Clement cita anche lo stato del mercato azionario negli Stati Uniti, un paese in cui il calcio non è particolarmente popolare. Tuttavia, due analisti hanno rilevato che durante la Coppa del Mondo, il mercato statunitense ha sottoperformato al 3,9%.

READ  Pas de Coupe du Monde pour l'Italie, eliminato dalla Macédoine du Nord à la sorpresa generale!