Cava de' Tirreni Cronaca EVIDENZA

Auto sui binari, sfiorata la tragedia

Tenta con l’auto di attraversare i binari del passaggio a livello in chiusura, ma resta bloccato tra le sbarre a causa del traffico. L’ennesimo di una lunga serie di episodi a rischio si è verificato nel pomeriggio di oggi al varco di Santa Lucia, in via Giuseppe Vitale. Per fortuna nessuna conseguenza grave, tuttavia resta una manovra azzardata – non certo isolata – che avrebbe potuto avere esiti ben più tragici, considerato che a bordo della vettura insieme all’automobilista c’era anche un bambino.

Se il semaforo è rosso bisogna fermarsi, non importa se le sbarre siano ancora aperte. Una regola del codice della strada ben nota e che, nonostante tutto, sembra sia puntualmente disattesa in particolar modo all’altezza dell’unico passaggio a livello di Cava de’ Tirreni, in via Vitale (tra la località di San Giuseppe al Pozzo e la frazione di Santa Lucia). È quello che si è verificato nel pomeriggio di oggi, intorno alle 18.30, quando un’automobilista evidentemente di fretta e incurante del traffico, ha pensato bene di non fermarsi al semaforo rosso e tentare di superare i binari mentre le sbarre si stavano chiudendo.

Impresa però che non è riuscita: l’uomo alla guida infatti ha superato solo la prima transenna, rimanendo bloccato invece davanti alla seconda che nel frattempo si era chiusa. All’automobilista non è rimasto altro da fare che posizionare la macchina parallelamente al binario così da non ostacolare il sopraggiungere del treno e poi, insieme al bambino, è sceso dalla vettura allontanandosi dal passaggio a livello quale misura cautelare in attesa che il convoglio transitasse. Alla riapertura del passaggio l’uomo ha potuto riprendere l’auto e mettersi in marcia.

Un episodio che, per quanto si sia concluso a lieto fine, ha riacceso i riflettori sulla pericolosità di quel tratto in cui lo scorso novembre perse la vita il giovane Giovanni Lamberti e dove, più di recente (ad aprile), un anziano era stato travolto mentre raccoglieva asparagi senza per fortuna riportare conseguenze gravi.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi