Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Assicurandosi un terzo mandato domenica, Xi ha fatto precipitare la Cina e il mondo nell’ignoto

Il presidente cinese è stato riconfermato segretario generale del Partito Comunista, carica che detiene la maggior parte del potere in Cina.

Questo apre la strada a un nuovo mandato presidenziale quinquennale il prossimo marzo.

Cela marque une rupture, car depuis la mort du fondateur du régime Mao Tsé-toung (1949-1976), la transition du pouvoir en Chine était Institutionnalisée: le président ne pouvait rester au pouvoir que pour deux mandats et pour maxi di une durée years .

Nel 2018 Xi Jinping ha ottenuto un emendamento alla Costituzione che rimuove queste restrizioni.

Al raggiungimento dell’età di 69 anni, potrebbe teoricamente presiedere a vita la Repubblica popolare.

“La riconferma di Xi Jinping è il risultato di un’intensa concentrazione del suo potere personale”, ha detto all’Afp un politologo cinese, a condizione di mantenere l’anonimato per la delicatezza dell’argomento.

E non c’è “dubbio” che il signor Xi stia ora cercando di mantenersi al potere per tutta la vita.

Questa decisione è “disastrosa per la Cina” ed è dannosa per il Partito Comunista, ritiene questo intellettuale, perché, a suo avviso, annuncia la “regressione e la stagnazione” della seconda economia mondiale.

crisi economica

All’alba del terzo mandato dell’uomo forte di Pechino, tutti gli occhi sono puntati sull’economia del colosso asiatico.

Dopo decenni di crescita sfrenata, il Paese sta ora affrontando un forte rallentamento, rafforzato dalla politica inflessibile “zero COVID” che porta a restrizioni ricorrenti.

Questa settimana, con sorpresa di tutti, la Cina senza spiegazioni ha posticipato la pubblicazione dei suoi numeri di crescita trimestrali.

Se, negli ultimi anni, Xi Jinping si è concentrato sui consumi e sulla domanda interna per sviluppare l’economia, il mantenimento delle restrizioni sanitarie in Cina mina questa strategia.

READ  Cibler les civils, encercler une ville, recruter des combattants : l'apport de la guerre en Syrie pour la Russie en Ucraina

“Data l’entità delle restrizioni, è improbabile che i consumi tornino ai livelli pre-Covid”, ha affermato l’economista Dan Wang della Hang Seng Bank of China.

Di conseguenza, i settori del turismo, dei trasporti e della ristorazione sono particolarmente vulnerabili alle sanzioni.

La situazione economica ha colpito anche il settore immobiliare un tempo redditizio, con molti sviluppatori che lottano per la loro sopravvivenza.

Questo settore, insieme a quello delle costruzioni, rappresenta un quarto del PIL cinese.

È un’importante fonte di reddito per i governi locali.

Le sanzioni sono già state imposte agli immobili attraverso regolamenti che hanno rafforzato l’accesso al credito per gli sviluppatori dal 2020, al fine di combattere il debito.

‘calcolo errato’

Queste difficoltà arrivano in un momento di relazioni tese tra la Cina e le potenze occidentali.

La ripresa del controllo a Hong Kong, il destino della minoranza uigura nello Xinjiang (nordovest), la rivalità tecnologica con gli Stati Uniti, la guerra in Ucraina… Non mancano le polemiche.

In apertura del Congresso del Partito Comunista Cinese, Xi Jinping ha affermato che il mondo “sta attraversando cambiamenti senza precedenti in un secolo”.

I geologi hanno sottolineato che il tema della “sicurezza nazionale” ha ampiamente trasceso tutti gli altri argomenti.

Il Partito Comunista ha anche incluso per la prima volta nella sua carta un riferimento alla sua “forte opposizione” all’indipendenza di Taiwan.

Pechino considera l’isola di 23 milioni di persone parte del suo territorio, anche se Taiwan ha un proprio governo da più di 70 anni.

Le tensioni intorno all’isola sono aumentate drammaticamente con gli Stati Uniti dalla visita della terza testa di serie americana Nancy Pelosi ad agosto.

READ  Coronavirus: quali sono i sintomi di una variabile omcron?

Considerando questo come un attacco alla sua sovranità, Pechino ha quindi organizzato le sue più grandi manovre militari nel processo.

Dan MacLean, un analista con sede a Shanghai, ha affermato che la riconferma di Xi Jinping “potrebbe essere un elemento (…) che aumenta il rischio di conflitti armati”.

Ha detto all’AFP che in caso di un prolungato rallentamento economico, il Partito Comunista potrebbe intensificare la sua pressione su Taiwan per rafforzare la sua legittimità.

Perché il Partito Comunista Cinese attualmente trae la sua principale legittimità dal crescente potere d’acquisto della popolazione, che potrebbe essere minato.

Circondato da una squadra nella sua busta paga, l’analista Shi Jinping avverte di un “rischio di errore di calcolo” nelle decisioni.