Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Area europea dei dati sanitari: quali sono i driver tecnologici?

I cittadini europei si spostano sempre di più nell’Unione e la necessità di cure transfrontaliere è in aumento. Quindi, nel 2020, 13,5 milioni di europei Viveva in un altro paese dell’Unione Europea.

l’Area europea dei dati sanitari Svolgerà un ruolo fondamentale nel migliorare l’assistenza medica ai pazienti quando si trovano in un altro Stato membro, grazie allo scambio di informazioni sanitarie in condizioni sicure e interoperabili. Al centro di questo ecosistema ci sono due infrastrutture transfrontaliere: la già esistente MyHealth@EU e HealthData@EU.

Cartella clinica tradotta nella lingua del professionista sanitario

A Bruxelles, Licínio Kustra Mano è responsabile dei sistemi informativi in Direzione Generale della Salute e Sicurezza Alimentare della Commissione Europea Ci dice cosa cambieranno queste infrastrutture per i sistemi sanitari e per i pazienti.

“MyHealth@EU consente agli operatori sanitari di accedere alle informazioni da un altro Paese: ad esempio, un farmacista dovrebbe preparare prescrizioni altrove”, Dice prima di aggiungere: “Un medico in ospedale dovrà avere accesso alle informazioni di base sull’allergia, le vaccinazioni, le malattie passate o i trattamenti attuali di un paziente”.

Le cartelle cliniche sono tradotte nella lingua dell’operatore sanitario. Ciò consente ai cittadini europei che viaggiano nell’Unione di ricevere assistenza come se si trovassero nel proprio paese.

in cornice MyHealth nell’Unione Europeai dati sono accessibili grazie ai focal point nazionali che verranno progressivamente istituiti in tutti gli Stati membri e ai servizi di coordinamento europei che coordinano lo scambio di informazioni tra i paesi.

Uso secondario altamente strutturato

HealthData@EU, da parte sua, consente il cosiddetto utilizzo “secondario” di questo vasto catalogo di informazioni nella ricerca, nell’innovazione o persino nel processo decisionale.

READ  Carenza di personale sanitario | Formazione accelerata per infermieri pratici autorizzati

I ricercatori, le istituzioni o le aziende dovranno richiedere l’autorizzazione ad un organismo ad hoc istituito in ogni Stato membro. L’accesso sarà strettamente confidenziale e sicuro e ogni paese ospitante conserverà i propri dati.

“Non esiste un database centrale europeo che raccolga tutti i dati dei pazienti” Licinio Kustra Mano insiste. “Le informazioni rimangono dove sono state raccolte e vi si accede quando necessario”. Aggiunge.

Il MyHealth Services @ UE La prescrizione elettronica e il profilo del paziente sono già disponibili in dieci paesi europei. Presto sarà esteso a tutta la Federazione. Alla fine, altri tipi di dati saranno disponibili in tutta l’UE: foto mediche, risultati di laboratorio e rapporti di dimissione dall’ospedale e, infine, l’intera cartella clinica.

L’identificazione del paziente è impossibile

un Una versione beta di questa seconda infrastruttura, HealthData@EUsarà lanciato tra due anni per i test su piccola scala, Sfide nell’accesso ai dati sanitari.

A Parigi, centro dati sanitario Guida il consorzio che gestirà il progetto pilota. Questa agenzia pubblica francese fornisce già informazioni sanitarie con elevati standard di sicurezza e riservatezza. “Nessun dipendente di Health Data Hub ha accesso diretto ai dati selezionati in qualsiasi momento: questa è una regola del centro”, Spiega Emmanuel Bakari, Direttore Scientifico dell’Health Data Center. “I dati sono crittografati, le chiavi di crittografia e l’intero sistema di crittografia sono interamente di proprietà del centro e abbiamo un livello di sicurezza estremamente elevato: il che è del tutto normale per i dati altamente sensibili”, Indica.

Anche l’autorità finlandese Findata fa parte del consorzio. Offre la sua esperienza nella gestione dell’uso secondario dei dati sanitari nell’ambito di progetti di interesse pubblico.

READ  La recherche en astronomie a autant d'impact sur les emissions qu'un pays comme Malte

“Non rilasciamo mai i cosiddetti identificatori diretti, ovvero nome, numero di previdenza sociale e varianti che identificano direttamente le persone”, dice Joanna Sibanen, regista. “dati sempre soprannome, ovvero è privo di informazioni che consentano l’identificazione di una persona; Può anche essere anonimo, cioè presentato in una forma che non consente l’identificazione, “ Sottolinea.

In un tale ecosistema tecnologico, la sicurezza e la protezione dei dati svolgeranno un ruolo cruciale nell’ottenere la fiducia e l’accettazione da parte dei cittadini di condividere informazioni sulla propria salute.