Attualità EVIDENZA

Anche l’Arcidiocesi Amalfi-Cava abbraccia Bergamo. Un anno dopo

In ricordo delle vittime della pandemia. Alle 20.00 il rintocco delle campane

In occasione della giornata nazionale in memoria delle vittime del Corinavirus alle 20.00 da tutte le parrocchie italiane si eleverà il suono delle campane “a morto”. La proposta arriva dal Vescovo di Bergamo, S.E. Mons. Francesco Beschi.

Tra preghiere e ricordi

Un anno fa, infatti, il 18 marzo 2020 l’Italia affrontava il suo giorno più nero: 2.978 le vittime del Covid-19 su scala nazionale. Intanto a Bergamo decine di camion dell’Esercito portavano nei forni crematori delle città vicine i feretri dei morti che la città, ormai vicina al collasso, non riusciva più a contenere.

La serata di oggi, un anno dopo sarà, quindi, scandita dal suono delle “campane del ricordo”. Un triste rintocco che alle ore 20.00 risuonerà amche in tutte le parrocchia dell ‘Arcidiocesi Amalfi – Cava de’ Tirreni su invito di S.E. Mons. Orazio Soricelli.

Ogni parrocchia è invitata a suonare le campane «a morto» così che i rintocchi raggiungano tutti ovunque si trovino, e sarà un invito a sostare in un breve momento di silenzio e raccoglimento.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi