Campania EVIDENZA Politica Salerno

Aperta al pubblico la strada vicinale che conduce all’Eremo San Martino

LaRed-Aperta al pubblico

Cava de’ Tirreni. All’attenzione del consiglio comunale tenutosi ieri pomeriggio a Palazzo di Città la classificazione della via vicinale San Martino quale strada vicinale soggetta a uso pubblico.

Un provvedimento importante e atteso dall’intera comunità delle località di San Martino e Santa Maria del Rovo per risolvere l’annosa questione del libero accesso allo storico Eremo, interdetto per la presenza di cancelli e catene installate dai residenti della zona che rivendicano la proprietà della strada.

Un atto che, inevitabilmente, ha tirato in causa proprio i proprietari della strada e di fronte al quale gli stessi hanno posto una serie di osservazioni per evidenziarne l’illegittimità.

«È stato un lavoro certosino degli uffici competenti, che va a smontare le osservazioni effettuate dai residenti – ha spiegato il consigliere delegato al Patrimonio, Anna Padovano Sorrentino che negli ultimi mesi ha seguito l’intero iter che ha portato alla discussione di ieri –. Tra le altre cose i residenti hanno lamentato l’insussistenza di pubblica servitù della strada e la presenza, contestualmente, di altri percorsi per raggiungere l’Eremo. Si tratta, tuttavia di due sentieri e non percorsi carrabili, che consentono solo il percorso pedonale. Su quella strada c’è sempre stato un libero accesso delle automobili per raggiungere l’Eremo e a testimoniarlo ci sono numerosi documenti e fotografie che risalgono agli anni ’70 e mostrano matrimoni e manifestazioni culturali. Per quanto riguarda i cancelli, poi – ha spiegato infine il consigliere Padovano Sorrentino – I cancelli sono da ritenersi abusivi in quanto la zona è sottoposta a vincolo paesistico. In definitiva sono contenta di questo risultato, la comunità e legata al luogo di culto e all’encomiabile lavoro fatto dal parroco responsabile dell’Eremo, Don Francesco della Monica».

Non sono mancate tuttavia le perplessità sollevate in sede di consiglio comunale. In particolare è stato il consigliere comunale Massimiliano Di Matteo a richiedere il ritiro dell’argomento all’ordine del giorno per procedere con un maggior approfondimento e all’indizione di un tavolo tecnico che coinvolga anche i residenti della zona.

«Bisogna acquisire i dati necessari in merito ai luoghi, la lunghezza e la larghezza del tracciato stradale – ha obiettato Di Matteo – e rendere partecipi i residenti e tutti i proprietari per il perfezionamento dell’interesse pubblico della strada. Non dimentichiamo che bisogna anche valutare l’aspetto urbanistico e catastale del tracciato considerato che attualmente la strada non è percorribile in quanto mancante di ogni minima misura di sicurezza a partire dalla segnaletica stradale».

Nonostante le perplessità del consigliere di Amiamo Cava, il procedimento è stato comunque votato e approvato in consiglio (contrari Barbuti, Ferrara, Aliberti e Di Matteo) con la promessa da parte del sindaco Servalli di un immediato sopralluogo per l’opportuna messa in sicurezza della strada.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi