Maggio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Analisi del discorso di Putin del 9 maggio a Mosca: “Non è stata menzionata nemmeno la parola ‘Ucraina’”

Questa mattina, il mondo intero ha seguito le celebrazioni russe che, come il 9 maggio di ogni anno, commemoravano la vittoria della Russia sulle forze naziste nel 1945. Mentre la guerra in Ucraina continuava, queste celebrazioni avevano un tono speciale. Poco prima di questo spettacolo, Vladimir Putin ha parlato. Il presidente russo ha detto che stava facendo di tutto per evitare una terza guerra mondiale.

Per analizzare questa presentazione e questo intervento, Nicolas José, ricercatore del Royal Defense Institute, è stato invitato sul set di RTL INFO 13h.

Tutti si chiedevano in privato se Vladimir Putin avrebbe finalmente usato la parola “guerra” invece di “operazione speciale” russa in Ucraina. Ma questo non era vero.

“Non solo rimaniamo nel registro delle operazioni militari speciali, e quindi nessuna mobilitazione generale, ma, inoltre, la parola ‘Ucraina’ non è stata menzionata nel suo discorso. Era dovuto essenzialmente a un discorso che, rispetto ai precedenti anni, era più consolidato nel presente e nel futuro e meno riferimenti al grande patriottismo bellico se non alla continuazione della lotta contro il nazismo nel 41-15 e alla guerra in Ucraina, ma soprattutto era un esercizio per giustificare l’approccio del Cremlino alla conflitto.” Nicolas José analizza.

È tornato anche su questo argomento altamente fantasioso sulle armi nucleari

Come può Vladimir Putin giustificare ancora questa guerra vacillante? Inizialmente, la Russia sperava in un’operazione molto veloce in Ucraina. Tuttavia, i russi sono lontani dall’uscire da questa operazione militare. “In effetti, nessuno degli obiettivi iniziali è stato raggiunto. Il Donbass è ancora molto lontano dal controllo russo. Questo è il motivo per cui non si parla di successo o vittoria”.Il ricercatore conferma.

READ  Elezioni presidenziali francesi: Valerie Pecresse nominata per la repubblica

“In effetti, il discorso era in piena continuità con la polemica che si era sviluppata fin dall’inizio, ovvero che l’Ucraina stesse preparando un attacco al Donbass secondo Putin. Questa è una totale sciocchezza, né attuata né introdotta. È tornato anche su questo argomento delirante che l’Ucraina stesse cercando di possedere armi nucleari. Quindi siamo in questo contesto generale in cui l’operazione è stata presentata come una risposta preventiva volta a impedire all’Ucraina di rappresentare una minaccia esistenziale per la Russia”.Aggiunge.