Campania EVIDENZA Politica Salerno

Amministrative Nocera Inferiore: Manlio Torquato si ripropone alla guida della Città

amministrative

Il sindaco uscente Manlio Torquato in corsa, in vista delle amministrative, per il secondo quinquennio alla guida della città.

“Molto è stato fatto, ma a Nocera c’è sempre da fare”. Così esordisce ai nostri microfoni il sindaco uscente Manlio Torquato che per le prossime amministrative del prossimo 11 giugno si ripropone alla corsa verso Palazzo di Città a Nocera Inferiore.

“Il risanamento economico dell’ente è stato ampiamente avviato e molte opere pubbliche sono state completate (da piazza del Corso al Palasport, dall’asilo nido, alle scuole e alle strutture comunali che hanno conosciuto adeguamenti dal punto di vista funzionale ed energetico). Una serie d’interventi su strade, lavori di riqualificazione che hanno visti interessati diversi rioni (Casolla vecchia, la zona di via Nicotera). Abbiamo avviato con buon risultati la raccolta porta a porta, con una differenziata che s’attesta al 50%; abbiamo fatto la pianificazione urbana dopo 40 anni di attesa e  abbiamo iniziato ad assegnare i nuovi lotti industriali in area PEEP di Casarzano e Fosso Imperatore. Siamo riusciti a far partire il teatro Diana come centro di eccellenza dello spettacolo nell’intero agro nocerino. Abbiamo avviato una serie d’iniziative per le scuole, come Scuola Film Festival, la consulta della scuola, il nuovo piano di dimensionamento scolastico degli istituti e interventi su alcuni edifici delle scuole, con misure di finanziamento europeo. Abbiamo realizzato il nuovo piano di Protezione civile comunale ed è stato avviato un nucleo comunale di protezione civile su base volontaria”.

In riferimento al da farsi, Torquato aggiunge: “Ovviamente restano criticità di alto rilievo. Siamo sulla buona strada per lo sblocco dei lavori per Monte Vescovado ed è un obiettivo importante. Siamo quasi in dirittura d’arrivo in un’accordo d’intesa con gli ECP e con l’istituto San Paolo per il conferimento di fondi che la Regione deve garantire ai territori dell’agro per risistemo di bonifica dei fiumi e di depurazione delle fognature da completare in alcune zone. C’è sempre da fare in città. La viabilità e il piano traffico nuovo; il completamento degli insediamenti industriali, che è già partito e la questione della Tofano, che è una grande questione irrisolta”.

Economia e lavoro. Riqualificazione e riordino delle aree produttive

“Dal punto di vista delle premesse occupazionali la nostra amministrazione ha provato innanzitutto a creare insediamenti produttivi che dessero spazio all’occupazione e quindi alla realizzazione di imprese o aree di imprese nuove. E’ una forma per incentivare l’assunzione di manodopera. Ad esempio, la riqualificazione di Piazza del Corso, un’opera di riqualificazione con la quale siamo stati nelle condizioni di rendere vivo un luogo dove poi hanno iniziato ad aprire numerose attività commerciali, ricreative e di ristoro sopratutto per i giovani. Inoltre, ha creato volume di lavoro e la possibilità di attrarre persone anche dalle città limitrofe”.

“Abbiamo fatto una politica in difesa dell’occupazione. Aver difeso la Nocera multi-servizi, che era una società a rischio fallimento e oggi aver invertito la rotta al punto tale che chiudono finalmente in attivo i bilanci, è una soddisfazione per l’Amministrazione perché abbiamo difeso posti di lavoro”.

E sul retroporto..

“Vorrei fare chiarezza su questa ipotesi. – conclude Torquato riferendosi al retroporto –  Non abbiamo una predilezione in senso assoluto per l’ipotesi della retroportualità logistica. Anzi, abbiamo specificato e questo non lo capisce chi non lo vuole capire e vuol fare polemica. Il candidato del centrodestra spinge dicendo «ma voi avete mutuato questa ipotesi di programmazione e di sviluppo dal vecchio programma del centrodestra». Ma in realtà, se si legge il nostro programma, la possibilità di configurare in quella zona un insediamento di retro portualità e logistiche è subordinata alla priorità di conservazione e di insediamenti di attività di produzione e di manifatturiere e che non si riducano alla mera logistica commerciale, perché altrimenti il retroporto svuota e non arricchisce di posti di lavoro il nostro territorio”.

 

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi