Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alti Pirenei: il gruppo italiano Florian Lanmeison si ritira dal progetto della mega segheria

Il gruppo italiano Florian comunica che la provincia degli Alti Pirenei si ritira dal progetto “per ripristinare il faggio nella città di Lannemezan”. I gruppi ambientalisti sono fortemente contrari a questa mega segheria.

Una nuova svolta nel progetto della mega segheria Lennemason. Il gruppo italiano Florian si ritira dal progetto “a seguito della presentazione dei risultati di uno studio-consultazione”, ha confermato mercoledì la provincia di Hauts-Pyrenees.

“Il Presidente degli Alti Pirenei ha preso atto di questa decisione e, d’intesa con il Prefetto regionale e il Consiglio regionale, ha chiesto ai due ispettori generali del ministero dell’Agricoltura nominati nell’ambito del processo di consultazione di seguire un approccio e finalizzare il loro lavoro a livello di massiccio” prosegue la provincia.

Pertanto il progetto non si svolgerà a Lannemesson nella sua forma attuale. Il piano di Florian Group per la realizzazione di una segheria industriale e di un cogeneratore da 3,5 MW, con un investimento di 11 milioni di euro, punta a sfruttare le risorse di faggio delle pendici dei Pirenei per 50.000 m3 di faggeta all’anno. Gradi premium.

Il progetto ha suscitato una forte opposizione tra ambientalisti e movimenti ambientalisti. In totale, “45 associazioni, sindacati, politici e cittadini” hanno rifiutato di vedere una mega segheria sull’altopiano di Lannemezan. Una petizione lanciata dal gruppo “Non toccare la mia foresta” “ha il sostegno di 61.000 firmatari”, ha osservato il deputato comunista Andre Chasaigne, che ha interrogato Barbara Pompili, all’epoca ministro dell’Ambiente.

leggi di più:
Mega progetto di segheria a Lanmaison: “Non toccare la mia foresta” si sente ingannato

Da allora è stato avviato uno studio consultivo sulla questione ed è stato concesso un periodo provvisorio per la durata dello studio. Due ispettori generali del ministero dell’Agricoltura sono stati nominati per svolgere perizie tecniche nella valutazione delle risorse recuperabili nel massiccio dei Pirenei e per definire le condizioni da soddisfare per la promozione del legno dei Pirenei in una relazione sui metodi di sviluppo sostenibile.

READ  tiramisù, dolce italiano altrettanto speciale

Il 13 luglio è stato organizzato un incontro di riforma nella provincia di Tarbes. Il collettivo “Touche pas à ma forêt” si è rafforzato per esprimere un senso di rabbia “scoprendo” che “sono in corso gli studi per la realizzazione di un impianto bioelettrico”. Brucia 67.000 tonnellate di pellet all’anno, equivalenti a 150.000. m3 legna per la produzione di energia elettrica dal vapore. Ciò rappresenta 5 volte la dimensione del piano iniziale.

Da parte sua, il sindaco di Lanmaison Bernard Plano conferma che i due progetti non sono collegati. “Le sfere crescono ovunque. È così che è nato questo progetto. Florian non ha nulla a che fare con il divieto. È stato esposto molte volte. Non è legno, ‘lo taglieremo, ma stiamo usando scarti di legno’ .”