Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alla scoperta del Qatar, un piccolo Paese…troppo ricco: “Non ci si può stare senza comprare casa”

Tra poco meno di sei mesi, la Coppa del Mondo FIFA si svolgerà in Qatar. Questa è la prima volta che la competizione si tiene in un paese arabo… e anche la prima volta in Medio Oriente. Ci siamo andati: presentando questo piccolo paese… molto ricco.

È un principato molto piccolo: 11.500 chilometri quadrati, ovvero un terzo del Belgio. Ha costruito la sua fortuna sugli enormi giacimenti di gas nel Golfo Persico. Il Qatar è il quinto produttore mondiale di gas naturale. Ha anche olio, ma molto meno: è il quattordicesimo prodotto al mondo. Il prezzo di un serbatoio di benzina è di 90 riyal, ovvero appena 23 euro.

La capitale, Doha, nasce nel deserto negli anni Cinquanta del secolo scorso, da una tradizionale barca di legno Barca a velaalla scoperta dei grattacieli della città, con i suoi palazzi scintillanti.

Questo piccolo paese 3 milioni di persone Si prepara a ricevere 1,5 milioni di visitatori per un mese. Saranno venduti 3 milioni di biglietti per le partite della Coppa del Mondo 2022. La Coppa del Mondo si svolge eccezionalmente dal 21 novembre al 18 dicembre, quando il clima è più gradevole, con un termometro a 25 gradi. Al momento delle riprese dello scorso maggio, la temperatura era già di 44 gradi. le temperature superano 50 gradi l’estate.

Un belga vive in Qatar da 14 anni, ma è ancora un “visitatore”.

Abbiamo incontrato Joris Lenin, 40 anni, della regione di Anversa. Il trombettista, che vive in Qatar da 14 anni, parteciperà alla cerimonia di apertura della Coppa del Mondo. “Sarà uno spettacolo molto grande, con ballerini, musicisti e cantanti di livello mondiale‘, ci ha confidato.

READ  Giroud: i corridori della tappa 18 sono stati ingannati e sfruttati da Dries de Bondt

Joris ha incontrato sua moglie Sonya nell’orchestra. Sebbene risiedano da molti anni, sanno che non potranno porre fine alla loro vita in Qatar. “Non è possibile sopravvivere senza possedere o acquistare una casa, ma è davvero costoso. Il sistema è stato realizzato così tanto qui in Qatar che ci sentiamo dei visitatori. Vecchi visitatori ma visitatoriUn visitatore che ama la sua vita a Doha. Joris non vede l’ora di assistere alle partite di novembre. Joris abita complessouna tipica zona di espatriati occidentali dove sono fiancheggiate ville identiche…

I falchi hanno una stanza climatizzata in casa

Qatar, 3 milioni di persone: più di un milione di lavoratori, che lavorano in condizioni di caldo estremo… In netto contrasto: convivono con una classe sociale molto ricca, dedita alla falconeria. “I falchi fanno parte della nostra storia e cultura. Oggi è un hobby, ma in passato veniva utilizzato per la caccia. Ha bisogno di buone cure, dato che fa molto caldo, quindi i falchi hanno una stanza climatizzata in casa!‘, ci ha detto un residente locale.

Il costo del Falcon può raggiungere i 250mila euro. Un hobby inaccessibile per l’80% della popolazione del Qatar, è costituito da espatriati.