Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alexander Plessin ha rifiutato di prendere il posto di Lee allo Standard: “Sono un grande club ma non sono un pompiere”

Uno dei migliori allenatori della Pro League è Alexandre Blissin. Il tedesco, con risorse limitate, ha fatto bene con KV Ostenda.

L’anno scorso, KVO aveva terminato la stagione regolare al quinto posto nella classifica generale, tre unità dietro il Genk, ultima qualificazione per le partite di playoff 1 prima di fare un playoff misto 2. Il gioco presentato era attraente e Blissin non era estraneo ad esso.

A Standard, lo sapevamo bene ed è per questo che l’amministrazione di Liegi sembrava essere Blessin per la successione di Mbaye Leye. Ma in un’intervista con la rivista Sport/Foot, il mentore di Ostenda ha spiegato perché non si è unito alla famiglia Roche. “È un grande club con tifosi appassionati e una buona scuola per i giovani, ma anche il momento deve essere quello giusto. Non sono un pompiere. Devo prepararmi per costruire la squadra come voglio‘, seleziona ai nostri colleghi.

Ha anche detto loro che avrebbe potuto unirsi alla Premier League e all’allenatore dello Sheffield United, ma l’accordo non ha funzionato. “Per me è importante avere mano libera. Questo non era il caso in alcuni club. Sento di poter ancora commettere errori senza essere punito immediatamente. Che senso ha andare in un club con tanta ambizione ma dove ti ritrovi sotto tiro dopo due sconfitte. L’unica squadra che mi interessava era lo Sheffield United, perché il calcio inglese mi affascina. Senza Brexit, avrei fatto questo passo“.

READ  Kevin De Bruyne eguaglia Eden Hazard