Settembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aleppo: Indice entro fine anno considerato “essenziale”

pubblicato

AddioUn indice prima della fine dell’anno è considerato “essenziale”

LUSSEMBURGO – Prima dell’inizio del sistema tripartito, Aleppo chiede un aumento automatico di salari, stipendi e pensioni entro la fine dell’anno e sta aprendo la strada alla riforma di questo sistema.

L’indicatore sarà attivato nelle prossime settimane o mesi?

Mentre le trattative erano all’interno tripartito Inizierà domenica, il governo, i datori di lavoro e i sindacati comunicano prima di questi incontri con l’obiettivo di trovare compromessi, in particolare sui seguenti indicatori. In teoria, entro la fine del 2023 dovrebbero essere operative fino a cinque chip, ha spiegato il primo ministro Xavier Bettel.

molto per le istituzioniMa non per i sindacati che sostengono che i dipendenti dovrebbero essere aiutati di fronte alla crisi. Questo giovedì è stata Aleppo a rilasciare un comunicato stampa chiedendo “decisioni durature per assistere efficacemente le famiglie contro la perdita del potere d’acquisto” a causa dell’accelerazione dell’inflazione (+6,6% nel 2022). La prima associazione bancaria lussemburghese a lanciare una tranche indicizzata (+2,5% di salari, stipendi e pensioni) entro la fine dell’anno è considerata “essenziale”, ma apre la strada alla trasformazione del sistema.

“Indice adattato in base alle diverse categorie salariali”

“Forse è il momento di lavorare per aggiustare l’indicatore, anche se provvisoriamente, per prevenire ulteriori blocchi, soprattutto per chi ne ha più bisogno”, ha detto Roberto Mendolia, presidente. Concretamente, Aleppo vuole che l’indicatore sia scalabile e “adatti a diverse categorie di stipendio”.

Dopo la prima riunione preparatoria del triumvirato, l’Uel ha ritenuto necessario “trovare soluzioni che non si possono pagare pagando cinque indici in un anno”. Il dibattito si preannuncia vivace, considerando che l’OGBL ha rifiutato di firmare l’accordo risultante dalla precedente riunione trilaterale dello scorso marzo. Ma il suo presidente, Nora Buck, mercoledì ha accolto con favore il fatto che il governo fosse “aperto al dibattito”.

“L’inflazione pesa su cittadini e imprese, hanno bisogno di sostegno”, ha affermato il primo ministro Xavier Bettel.

(Decimo)

READ  Con i prezzi alle stelle, vale ancora la pena guidare con l'elettrico?