Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alcune persone sono calamite per le zanzare e un nuovo studio ne rivela il motivo

⇧ [VIDÉO] Potrebbe piacerti anche questo contenuto del partner (dopo la pubblicità)

Sei una di quelle persone che considerano un vero “calamita” per le zanzare? Per molto tempo questa particolarità – certo non invidiabile – è stata fraintesa. I ricercatori del Laboratory of Neurogenetics and Behavior della Rockefeller University hanno finalmente determinato cosa rende una persona irresistibile a questi insetti: la presenza di determinati acidi grassi sulla pelle. Questa scoperta potrebbe portare allo sviluppo di prodotti repellenti più efficaci.

Le zanzare sono irrimediabilmente attratte dall’anidride carbonica che espiriamo, dal calore e dall’odore del nostro corpo. Ma alcune persone, sfortunatamente per loro, sono più prese di mira di altre. Secondo alcune credenze popolari, il gruppo sanguigno, la glicemia o alcuni cibi consumati possono più o meno attirare questi parassiti. Tuttavia, non ci sono prove scientifiche a sostegno di nessuna di queste ipotesi. I ricercatori si sono proposti di esplorare una delle teorie più plausibili che potrebbe spiegare la maggiore o minore attrattiva delle zanzare per il corpo umano: le differenze negli odori associati ai microbi della pelle.

In primo luogo, hanno testato l’effetto dei diversi odori della pelle umana sulle zanzare, al fine di determinare quali sono più o meno attraenti per questi insetti. Un’analisi chimica dell’odore corporeo ha rivelato che le persone più attraenti producevano significativamente più acidi carbossilici nei loro fumi cutanei. ” C’è una relazione molto forte tra avere grandi quantità di questi acidi grassi sulla pelle ed essere una calamita per le zanzare. dice Leslie Fuschall, che ha guidato lo studio. Sembra che anche le zanzare con deficit olfattivi siano in grado di distinguere questi bersagli primari dagli altri.

READ  Di fronte alla scarsità d'acqua, "tutti dovrebbero stare attenti a non sprecare acqua inutilmente", ricorda un idrogeologo.

Forza attraente grazie agli acidi carbossilici

I ricercatori hanno chiesto a 64 volontari di indossare maniche di nylon sugli avambracci per sei ore al giorno, in giorni consecutivi, per raccogliere campioni di profumo di pelle umana. Nei successivi tre anni di studio, il team ha testato l’attrattiva delle maniche in nylon l’una contro l’altra attraverso tutte le possibili coppie. Per fare ciò ho utilizzato un misuratore olfattivo con due opzioni: una camera di vetro divisa in due tubi, ognuno dei quali termina in una scatola con un manicotto.

Specie di zanzara templi egizi – I principali vettori di febbre dengue, infezione da virus Zika, chikungunya e febbre gialla – sono stati collocati nella stanza principale, quindi i ricercatori hanno osservato il comportamento degli insetti. In totale, hanno eseguito più di 2.330 test comportamentali. I campioni sperimentali sono stati resi anonimi, quindi gli sperimentatori non sapevano quale partecipante indossasse quale nylon.

(A) Diagramma schematico del test olfattivo a due scelte. Percentuale di gravità per gli avambracci umani (B) o un pezzo di nylon (CD) indossato da una persona rispetto a un pezzo di controllo in nylon. © ME De Obaldia et al.

Un partecipante si è distinto, qui in particolare il “Soggetto 33”: è risultato essere quattro volte più attraente per le zanzare rispetto al secondo partecipante più attraente e 100 volte più attraente del meno attraente (identificato come “Soggetto 19”). È molto semplice: in qualsiasi test che includa una manica indossata dal soggetto 33, le zanzare si radunano attorno ad essa. I ricercatori hanno quindi ordinato i partecipanti dal più attraente al meno attraente, quindi hanno analizzato i loro profili olfattivi per determinare cosa potrebbe spiegare questa grande differenza.

È così che hanno identificato una cinquantina di composti molecolari presenti in numero maggiore nei grassi dei partecipanti a forte attrazione. In particolare, hanno scoperto che i “magneti della zanzara” producono acidi carbossilici a livelli molto più elevati rispetto ad altre specie.

READ  Dipartimento di Neurologia sotto copertura causa Covid-19

Proprietà a vita

Questi acidi sono naturalmente presenti nel sebo. Aiutano a proteggere e idratare la pelle e la quantità di acido prodotta varia da persona a persona. Tuttavia, la pelle mantiene un livello costante di acidi carbossilici nel tempo, quindi anche l’odore corporeo rimane costante. In effetti, il Topic 33 è rimasto il più interessante, anche dopo diversi mesi.

« Alcune persone hanno partecipato allo studio per diversi anni e abbiamo scoperto che se erano magneti per zanzare, rimanevano. Molte cose nel soggetto o nel suo comportamento potrebbero essere cambiate durante questo periodo, ma era una caratteristica molto stabile di una persona. “,” Conferma Maria Elena de Obaldia, coautore dello studio. In altre parole, indipendentemente dalle modifiche apportate – negli alimenti o nei prodotti per la cura della pelle – una calamita per zanzare rimane una calamita per zanzare per tutta la vita.

In particolare, le zanzare rilevano gli odori umani con due serie di recettori olfattivi: i recettori Orco e IR. Dopo la loro scoperta, i ricercatori hanno creato zanzare mutate, prive di uno o entrambi i recettori, per valutare la loro capacità di rilevare gli odori umani. Le zanzare prive di recettori Orco continuavano ad essere fortemente attratte dall’uomo e riuscivano ancora a distinguere tra individui più e meno attraenti. Le zanzare che non hanno recettori infrarossi hanno perso la loro attrattiva per l’uomo in vari gradi, ma mantengono ancora la capacità di distinguere gli individui.

Eliminazione dei recettori olfattivi della zanzara
Nonostante l’eliminazione dei recettori olfattivi (mediante modificazione genetica), le zanzare sono ancora in grado di identificare gli individui più attraenti. © ME De Obaldia et al.

Questi risultati hanno deluso il team, che sperava di trovare un modo per distinguere i soggetti più attraenti dagli altri al fine di sviluppare un repellente più efficace. Loro comunque Coerente con un altro studio In precedenza condotto da Fossall e colleghi, che ha dimostrato la notevole forza del sistema olfattivo della zanzara; I suoi neuroni co-esprimono diversi recettori chemiosensoriali, conferendo al sistema una ridondanza quasi inarrestabile.

READ  Rimangono solo 7 giorni per preordinare il Futura Mag!

Secondo Vosshall, un possibile fattore è la manipolazione dei microbi della pelle, ad esempio rivestendo la pelle di una persona molto attraente con batteri della pelle di una persona poco attraente, in modo da modificarne la forma olfattiva. Tuttavia, il team deve ancora mettere in pratica questo esperimento.

fonte : ME Da Obaldia et al., Cell