Settembre 25, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alcol, inganno e omosessualità: una nuova versione araba di Netflix sta facendo scandalo in Egitto | cinema

Netflix ha voluto colpire con la sua prima produzione araba “Ashab Wala Aaz”, “Best Friends in the World” in arabo. L’obiettivo raggiunto: in Egitto, il paese arabo più popoloso, alcuni se ne stanno allontanando. Altri si precipitano a vederlo.




Era il clamore previsto all’inizio dell’anno: il film riunisce famosi attori del Libano e dell’Egitto, il gigante della cultura popolare araba. È un remake di un film italiano di successo.Totalmente estranei– compresa la versione francese, “il gioco”ha già avuto un enorme successo sulla piattaforma online.

Chiamate al bando

Tre giorni dopo la sua uscita,Ashab Wala Aaz“, che racconta di una partita tra amici andata storta, è in cima alla lista dei dieci film più visti su Netflix nel mondo arabo. Ma in Egitto, un avvocato ha assunto il ministero della Cultura e l’organismo di censura per fare proprio questo “, il film, che secondo lui mira a infrangere i valori della famiglia. Il geloso deputato Mustafa Bakri ha chiesto una sessione straordinaria del Parlamento per esaminare la questione.

Astratto

La storia è la storia di tre coppie – due libanesi e un egiziano – che si incontrano durante una cena chiassosa. Durante la serata hanno deciso di fare un gioco: mettere il cellulare sul tavolo e condividere ogni messaggio o chiamata con tutto il gruppo. Le mogli scoprono amanti, amici infedeli, mariti separati e il gruppo in cui uno di loro è gay, quasi a una porta chiusa.

“Altre venti scene porno”

Il signor Bakri, afferma di aver controllato ogni piano. conseguenze? Afferma che “ci sono più di venti scene porno” – anche se nel film non appare una scena erotica, nemmeno un bacio, che Netflix vieta ai bambini di età inferiore ai 16 anni a causa del suo linguaggio scortese. Il parlamentare, che si posiziona regolarmente come il custode della morale, è stato su tutti i set dei talk show più visti nel paese di 102 milioni per chiedere almeno il divieto totale di Netflix in Egitto. Sbagliato “proprietari né cari”? Ha mostrato un padre che discute con sua figlia della sua prima relazione sessuale dopo che sua madre ha scoperto un preservativo nella sua borsa e “hanno difeso l’omosessualità e noi siamo una società orientale”, accusa il signor Bakri.

READ  Oroscopo di giovedì 25 novembre 2021: amore, denaro, lavoro, salute...

Critico cinematografico accurato

Il critico cinematografico Tariq El-Shennawy risponde che “c’è differenza tra non denunciare un fenomeno e incoraggiarlo”, in un Paese in cui l’omosessualità non è esplicitamente vietata, ma la repressione delle persone LGBT è aumentata dall’elezione del presidente Abdel Fattah Al- . Sisi nel 2014. Soprattutto, sostiene El-Shennawy, il cinema egiziano non è mai stato così cauto. Per quasi 20 anni, il pubblico si è riversato nei teatri di “Le notti delle notti”, le “notti bianche” in lingua araba, la storia di quattro coppie che si separano dopo una cena con gli amici, per le voci di menu, l’impotenza, adulterio e differenze di ceto sociale. Diversi film egiziani, tra cui The Yacoubian Building, tratto dal romanzo di Alaa Al-Aswany, hanno affrontato esplicitamente il tema dell’omosessualità. E al culmine dell’ironia, nel 2016, le è stato assegnato il premio per la migliore sceneggiatura al Cairo Film Festival per… “Perfetti sconosciuti”!

Mona Zaki © AFP

Le donne concentrano tutte le critiche

Ma in un paese in cui il conservatorismo e una lettura rigorosa dell’Islam hanno continuato a progredire, una donna è diventata il fulcro di tutte le critiche: l’unica attrice egiziana per “Younger and Né”, Mona Zaki. Sullo schermo, interpreta una donna intrappolata tra una matrigna che la disprezza e un marito che non la tocca più. E in città, i netizen hanno ridotto l’attrice – che ha recitato in “Sahar al-Layali” insieme al marito Ahmed Helmy al loro debutto – al suo unico status di moglie.

Suo marito è stato arrestato online

Invece di rivolgersi a lei, hanno sfidato El Sayed Helmy, uno dei più famosi attori egiziani che non faceva parte del cast di Netflix. Uno ha scritto: “Come può permettere a sua moglie di interpretare questo ruolo?” Altri arrivano al punto di chiedergli di rinnegarla immediatamente. Khaled Ali, una delle figure di spicco della sinistra egiziana, “è un film coraggioso e originale”. “Tutto ciò di cui parla è nelle nostre società, senza offesa per coloro che preferiscono essere ignorati, silenziosi o attaccati”.

Leggi anche

La sua vita è stata sconvolta da un ballo con i colleghi filmato a sua insaputa: “Delirium story”