Maggio 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Afghanistan: i talebani chiedono ai paesi musulmani di riconoscere il loro governo

“Chiedo ai paesi islamici di essere pionieri e di riconoscerci ufficialmente. Spero che dopo possiamo svilupparci rapidamente”, ha detto Mohammad Hassan Akhund in una conferenza stampa sulla grande crisi economica che ha colpito il Paese da quando i talebani sono saliti al potere . Ad agosto ha interrotto gli aiuti internazionali al Paese.

Di fronte ai timori che un possibile ritorno degli aiuti internazionali, che finanziano l’80% del bilancio afgano, andasse a vantaggio dei talebani, il primo ministro ha voluto distinguere il suo governo dal popolo afghano.

“Noi (il governo) non vogliamo l’aiuto di nessuno. Non lo vogliamo per i funzionari. Ne abbiamo bisogno per il nostro popolo”, ha detto, osservando che i talebani avevano “soddisfatto” le condizioni per il riconoscimento, la pace e la sicurezza . Nazione.

Nessun Paese ha ancora riconosciuto il governo formato dai talebani. La comunità internazionale è in attesa di vedere come questi fondamentalisti islamici intendono governare l’Afghanistan, avendo ampiamente calpestato i diritti umani durante il loro primo mandato al potere tra il 1996 e il 2001.

Sebbene i talebani abbiano promesso un approccio più morbido rispetto al loro governo precedente, le donne rimangono in gran parte escluse dal lavoro pubblico e le scuole secondarie femminili rimangono per lo più chiuse.

La situazione umanitaria in Afghanistan ha preso una svolta drammatica da quando i talebani sono tornati al potere e hanno interrotto i massicci aiuti internazionali che hanno tenuto a debita distanza il Paese, che rappresenta quasi l’80% del bilancio nazionale.

I tassi di disoccupazione sono saliti alle stelle e molti dipendenti pubblici non ricevono lo stipendio da mesi.

La carestia ora minaccia 23 milioni di afgani, ovvero il 55% della popolazione, secondo le Nazioni Unite, che quest’anno hanno bisogno di 4,4 miliardi di dollari dai paesi donatori per far fronte alla crisi umanitaria.

READ  Boris Johnson accetta la sua lettera a Macron sul passaggio dei migranti nel canale

La richiesta di assistenza delle Nazioni Unite non ha ancora avuto seguito. I diplomatici occidentali sono ancora alla ricerca di modi per indirizzare gli aiuti all’economia martoriata dell’Afghanistan senza il sostegno del governo, che include molti membri soggetti a sanzioni internazionali.