fbpx
Campania Scuola video

“Adotta un filosofo”, a scuola di cittadinanza europea

Presentato il progetto di formazione per gli studenti delle scuole superiori “Adotta un Filosofo”. Coinvolti 60 istituti campani

Testimonial di eccezione tre illustri professori – Aldo Masullo, Fulvio Tessitore, Vincenzo Vitiello – che parteciperanno al progetto insieme a tanti altri studiosi.

Per il lancio dell’iniziativa erano presenti, tra gli altri il governatore campano  Vincenzo De Luca e Alessandro Barbano, presidente della Fondazione Campania dei Festival.

La Fondazione promuove un ciclo di lezioni in tutte le scuole secondarie di secondo grado, da tenersi nei mesi di febbraio/marzo 2019, rivolto ai ragazzi dell’ultimo anno di studi, da affidare a una ventina di professori e studiosi di filosofia, per aiutare le nuove generazioni a tener viva e vitale la memoria della storia europea.

Il progetto prevede la selezione di una sessantina di Istituti che hanno sede nella regione Campania: ogni Istituto riceverà la visita di un filosofo che discuterà con gli studenti il significato storico della cittadinanza europea.

Al termine di ciascun incontro i partecipanti (o singolarmente o in gruppi da due o massimo tre studenti) produrranno elaborati (testuali, visivi, sonori, ecc). Al termine del percorso ogni Istituto invierà alla Fondazione Campania dei Festival l’elaborato scelto per partecipare alla selezione finale. Questi saranno giudicati da una commissione composta dai filosofi stessi che sceglierà i 6 migliori lavori. A tre studenti di ogni Istituto premiato sarà offerta la possibilità di partecipare, nel mese di maggio, a un viaggio di istruzione presso le istituzioni dell’Unione Europea.

I migliori lavori saranno premiati durante una cerimonia pubblica dove a tutti gli studenti coinvolti sarà donata una card per due persone che consente l’accesso gratuito a tutti gli spettacoli del Napoli Teatro Festival Italia e la possibilità, per un anno, di accedere gratuitamente alle mostre allestite presso il Madre-Museo d’Arte contemporanea Donna Regina.

Il prof. Aldo Masullo ha spiegato la partecipazione al progetto ricordando che “le istituzioni servono ai cittadini per diventare liberi, e si diventa liberi attraverso il pensiero, iniziative come questa meritano di essere valorizzare con la partecipazione di tutti”. Mentre il prof. Tessitore ha ricordato come la filosofia sia “un impegno alla riflessione, e che riflette ha come presupposto mettere in discussione e interrogarsi sulla propria essenza”; e in questa direzione che il prof. Vitiello ha immaginato che questa adozione “sia una formula felice perché quando andremo nelle scuole dovremmo essere noi per primi, filosofi, ad essere interrogati con delle domande che ci facciano pensare”.

“In un mondo del quale non c’è un clima propizio per la filosofia, la riflessione e il pensiero, portiamo avanti un’iniziativa che vuole far riflettere le nuove generazioni sui valori di fondo universali, sulla cittadinanza e sulle istituzioni europee” commenta così il presidente Vincenzo De Luca che pone l’obiettivo “di nobilitare la scadenza elettorale delle Europee del 2019 e trasmettere ai giovani il fascino di queste istituzioni che anche se hanno oggi un destino incerto sono state la culla della democrazia, dell’universalità dei valori e dello stato sociale così come lo conosciamo oggi”.