Luglio 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Activision serve la vite contro i creatori di software cheat

Activision Blizzard dichiara guerra agli imbroglioni in Call of Duty.

L’editore di Call of Duty: Warzone Activision Blizzar ha intrapreso un’azione legale contro gli imbroglioni con sede in Germania. In tutto, sei persone sono state nominate nella tuta. Activision li nomina come responsabili dello sviluppo e del funzionamento di EngineOwning, un sito Web di distribuzione di cheat.

caso di imbroglio

Activision ha speso e continua a spendere enormi risorse per combattere gli imbrogli nei suoi giochiScrivi un avvocato Activision nella causa. E aggiungono, “Nonostante questi sforzi, la vendita e la distribuzione degli imputati di software fraudolento ha causato danni gravi e irreparabili ad Activision e alla sua reputazione, nonché una significativa perdita di entrate”..

La causa accusa gli sviluppatori di EngineOwning di violare il copyright di Activision, violare i suoi termini di servizio e distribuire goalbot, Trigbot e altre tecniche di imbroglio.

Accesso a pagamento cheat

EngineOwning vende servizi di cheat per vari videogiochi. Questi sono Call of Duty: Modern Warfare, Call of Duty: Vanguard e Call of Duty: Black Ops. Il sito offre anche cheat e programmi di “spoofing” progettati per aggirare i divieti. L’accesso a questo programma è disponibile su abbonamento e varia da circa $ 5 per tre giorni di accesso a circa $ 45 per 90 giorni di accesso.

I giocatori che acquistano questi abbonamenti hanno accesso alla mira automatica, al tiro automatico e alla posizione degli altri giocatori. EngineOwning vende anche l’accesso al radar che consente ai giocatori di vedere attraverso i muri. Tuttavia, il sito avverte i giocatori che possono essere bannati per “ovvi” imbrogli.

Activision battaglia

Activision ha dichiarato l’anno scorso di aver bandito più di 475.000 account dal lancio di Warzone. questi imbroglioni “Impedisce ai clienti legittimi di godere e partecipare alle esperienze online create con cura da Activision”, possiamo leggere nella causa.

READ  Prezzo e data di uscita incombono

Nel 2020, Activision è riuscita a chiudere uno dei principali cheat di Call of Duty. Questo dopo che l’editore lo ha minacciato di intraprendere un’azione legale. Continuando la sua guerra senza fine agli hacker, Activision ha anche rafforzato la sua difesa principale contro hacker e cheat. A tal fine, l’editore ha pubblicato alla fine dello scorso anno il programma antifrode Ricochet.

Oltre a questa esperienza, Activision Blizzard è attualmente nel mirino della critica. I dipendenti dell’editore lo accusano di diffuse discriminazioni e abusi. Alcuni sviluppatori della controllata di Warzone Raven Software e della sua società madre stanno entrando nella loro terza settimana di sciopero. La misura segue i licenziamenti dei tester di assicurazione della qualità annunciati a dicembre.